menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Vicè Sicilian Taste, un pezzo di Palermo a Pisa: "Tutti pazzi per caponata, arancine e cannoli"

Così la società cooperativa Burnia prova a "colonizzare" la Toscana. Un progetto di franchising legato alla rosticceria, gastronomia e pasticceria palermitana: "Scelta strategica, i pisani e i turisti apprezzano..."

Sono partiti da Palermo per portare i sapori della Sicilia in giro per il mondo. Una vera e propria missione quella di "Vicè Sicilian Taste". Prima tappa: Pisa. Così la società cooperativa Burnia prova a "colonizzare" la Toscana. Caponata, panelle, arancine, ravazzate, rizzuole, perfino sfincione e sfinci, ma anche cannoli. Un progetto di franchising legato alla rosticceria, gastronomia e pasticceria palermitana.

Vicè Sicilian Taste è da qualche mese una realtà che funziona, a Pisa nella centralissima via Dei Mille. "Così residenti e turisti assaggiano la nostra produzione fatta giornalmente e con materie prime di assoluta qualità, nel rispetto delle ricette della nostra tradizione - dice Giancarlo Bonfiglio, l'inventore del brand - e in tanti apprezzano. I pisani non erano abituati a mangiare il 'nostro' cibo...".

Curiosa l'idea di andare a Pisa. "Abbiamo pensato che non sarebbe stata una scelta brillante quella di aprire un'attività in Sicilia - dice Bonfiglio -. Abbiamo scelto la città della Torre perché qua c'è un aeroporto internazionale, fulcro per molti turisti. Chi ad esempio va a Firenze, passa prima da Pisa. A Pisa ci sono tantissimi studenti, c'è l'università, la zona è centrale ed è a traffico limitato. Un fattore non di poco conto".

Ma l'obiettivo di Vicè Sicilian Taste è quello di far conoscere le bontà palermitane in giro per l'Italia. Con un'idea nuova: la Vicè Card, con la quale è possibile avere sconti sui prodotti. Una scelta per fidelizzare i clienti. Un brand che mira in grande, nato da un'intuizione di un palermitano e una catanese, l'amministratice Anna Giustra. "Due anime siciliane unite per vincere questa scommessa - chiude Bonfiglio -. Come si suol dire: sapori e saperi. Abbiamo maturato varie esperienze e ora lavoriamo per espanderci. Ma camminiamo coi piedi per terra. In futuro contiamo di aprire da qualche altra parte. E far conoscere altrove le meraviglie gastronomiche di Palermo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento