Cronaca

Processo “mafia e appalti”, tre assoluzioni in appello

Due imprenditori, Vincenzo Rizzacasa e Salvatore Sbeglia, sono stati assolti dalla corte d'appello dall'accusa di intestazione fittizia. Assolto anche Vincenzo Marcianò che in primo grado aveva avuto 8 anni e 2 mesi

Due imprenditori, Vincenzo Rizzacasa e Salvatore Sbeglia, sono stati assolti dalla corte d'appello dall'accusa di intestazione fittizia. In primo grado erano stati condannati a 3 anni e 4 mesi ciascuno. Assolto anche Vincenzo Marcianò che in primo grado aveva avuto 8 anni e 2 mesi. La corte ha escluso l'aggravante mafiosa per Francesco Sbeglia, per cui è stato dichiarato prescritto il reato di intestazione fittizia. Ridotta anche la condanna inflitta dal gup a Antonino Maranzano condannato a 8 anni e 8 mesi (ne aveva avuti 10 e 10 mesi in primo grado).

Confermate, invece, le pene per gli altri imputati accusati, a vario titolo, di associazione mafiosa, estorsione e intestazione fittizia di beni. La pena piu alta, 10 anni, è stata inflitta al boss Nino Rotolo. A 8 anni e 2 mesi è stato condannato Francesco Paolo Sbeglia, 8 anni per Carmelo Cancemi; 4 anni dovranno scontare invece Pietro Vaccaro e 8 anni e due mesi Fausto Seidita. Infine a 2 anni di carcere è stato condannato Massimo Troia. Il processo nasce dalle intercettazioni effettuate nel box del capomafia Nino Rotolo che negli anni scorsi portarono ad altri arresti e condanne. Le conversazioni dei boss, che si riunivano da Rotolo per concordare affari ed estorsioni, sono state riscontrate dalle dichiarazioni di diversi pentiti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo “mafia e appalti”, tre assoluzioni in appello

PalermoToday è in caricamento