Addio Saracinu: è morto l'attore Giovanni Martorana, ucciso da una stufa a legna

Il corpo è stato trovato privo di vita nel suo appartamento di Monreale. Aveva 53 anni. Era comparso in numerosi film diventati cult, da I Cento passi fino a Malena e Baaria

Giovanni Martorana

E' morto in silenzio. Per colpa di una stufa a legna. Giovanni Martorana, non c'è più. L'attore palermitano - 53 anni - è stato trovato senza vita nel suo appartamento di Monreale, in contrada Pezzingoli. Il corpo è stato trovato privo di vita. Si ipotizza che fosse morto già da due giorni, ucciso dai fumi letali sprigionati dalla stufa. Conosciuto nell'ambiente con il soprannome "U Saracinu", Martorana era un pezzo di quella Palermo che non si può dimenticare. La sua faccia - inconfondibile - era comparsa in numerosi film diventati cult per il cinema locale, e non solo. Con lui se ne va un altro pezzo della Palermo più vera.

I funerali: "Saracinu non doveva finire così, dimmi che stai recitando" | Video

Attore di teatro, aveva preso parte a pellicole come Malèna, con la regia di Giuseppe Tornatore, La meglio gioventù di Marco Tullio Giordana, ma anche La matassa con Ficarra e Picone e Baaria. Non solo film. Martorana aveva trovato spazio anche nella fiction di successo L'onore e il rispetto, al fianco di attori come Ben Gazzara, Ángela Molina e Vincent Spano. Nel 2010 aveva recitato nella serie televisiva Squadra antimafia - Palermo oggi, e due anni prima nel film tv L'ultimo padrino, con la regia di Marco Risi (2008). I funerali saranno celebrati domani alle 12 nella parrocchia del Santissimo Crocifisso a Pietratagliata.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non era famosissimo, ma aveva lasciato il segno. Come quella frase simbolo dei Cento passi, celebre film di Marco Tullio Giordana. Mentre Luigi Lo Cascio (Peppino Impastato) manifesta il suo entusiasmo per la nascita di Radio Aut, per utilizzare liberamente questo mezzo per attaccare e denunciare i potenti mafiosi del paese, nel momento di euforia l'attore protagonista del film fa sapere agli amici che vuole portare il suo messaggio anche fuori Palermo. A quel punto Martorana, uno degli amici, gli risponde in perfetto palermitano: "Sé, quannu c'è bientu...". Un'amara "sentenza" seppellita da una risata collettiva. E come ricorda adesso chi lo conosceva, Martorana in fondo "era qualcuno in un mondo di nessuno che si credono qualcuno".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Palermo, ragazza di 27 anni muore dopo avere mangiato gamberi

  • Coronavirus a Palermo, positive due commesse di un negozio

  • Tragedia a Isola, accusa un malore mentre esce dall'acqua e muore in spiaggia

  • La corsa in ospedale e la disperazione, bambino di 3 mesi muore al Di Cristina

  • L’incidente sulla Palermo-Sciacca, giovane motociclista muore in ospedale

  • Suicidio in via Guido Cavalcanti, commerciante di 62 anni si toglie la vita

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento