Curato al Cervello paziente affetto dalla Sindrome di Lyell

Si tratta di una malattia molto rara (un caso su un milione all'anno in Italia) con mortalità elevata, causata da una reazione avversa ai farmaci. Sul paziente, un palermitano di 36 anni, è stata sperimentata una terapia innovativa

E' una malattia molto rara, con una statistica di circa un caso su un milione all'anno in Italia, ma con mortalità elevata, fra il 20 e il 30%. Si tratta della necrolisi epidermica tossica, meglio conosciuta come Sindrome di Lyell, causata da una reazione avversa ai farmaci. Un caso di questo tipo è stato curato con successo a Palermo, presso la terapia intensiva dell'Unità operativa di Anestesia e Rianimazione dell'Ospedale Cervello.

La Sindrome di Lyell ha colpito un paziente di 36 anni, palermitano, che ha sviluppato questa reazione in seguito all'assunzione di un farmaco per il trattamento dell'iperuricemia. All'arrivo in terapia intensiva, seppur con funzioni vitali nei limiti, l'uomo presentava lesioni cutanee e mucose simili a gravi ustioni, che coinvolgevano almeno il 60% della superficie corporea. Dopo otto giorni, non mostrando miglioramenti, il paziente è stato trattato con una terapia innovativa, sperimentata per la prima volta presso l'Istituto Dermopatico dell'Immacolata di Roma dal dottor Biagio Didona.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Si tratta - spiegano dall'azienda sanitaria - di una singola somministrazione di Etanercept 50 mg, inibitore del Tnf-alfa (Tumor Necrosis Factor), principale citochina infiammatoria. Un farmaco solitamente usato per la cura della psoriasi, ma che all'Istituto Dermopatico è stato studiato e sperimentato per la Sindrome di Lyell a partire dal 2011. La collaborazione fra l'Unità operativa di Rianimazione del Cervello e l'Istituto è risultata fondamentale. La risposta al trattamento da parte del paziente palermitano è stata ottimale, con completa riepitelizzazione e quindi guarigione clinica in 10 giorni. Presto verrà dimesso".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento