Silvana Saguto e gli amici del "cerchio magico", l'attacco del pm: "Dovranno vergognarsi a vita"

L'accusa del pubblico ministero Maurizio Bonaccorso durante la requisitoria nel processo: "Per lei era la prassi inserire persone senza alcuna competenza, gente che non sapeva dove mettere le mani e che veniva scelta in base all'amicizia o alla parentela"

Silvana Saguto

"Un quadro desolante" in cui gli imputati "si devono vergognare a vita" anche "se verranno assolti". Ha usato parole durissime il pm Maurizio Bonaccorso, concludendo ieri la requisitoria nel processo sul cosiddetto 'cerchio magico' di Silvana Saguto, l'ex presidente della sezione Misure di prevenzione del Tribunale di Palermo. E' stato il Procuratore capo di Caltanissetta in persona, Amedeo Bertone, ad avanzare le richieste. Esemplari. Quindici anni e dieci mesi per Silvana Saguto, ritenuta fino a pochi anni fa la paladina dell'antimafia, ma anche per il marito Lorenzo Caramma, per il quale ha chiesto nove anni e 11 mesi di carcere.

Prima di chiudere l'udienza - scrive l'Adnkronos - il pm Bonaccorso ha anche annunciato al Tribunale che chiederà la trasmissione degli atti alla Procura per falsa testimonianza per una decina di persone, tra cui il giudice Daniela Galazzi. "Emergono fatti di una gravità inaudita", ha ripetuto Bonaccorso mentre spiegava alcuni dei reati contestati ai quindici imputati. Quello che viene fuori, secondo la Procura, "è un quadro desolante con pubblici ufficiali che hanno tradito la loro funzione. E tra loro ci sono magistrati, colonnelli, il tutto per il perseguimento di interessi privati".

Silvana Saguto, che ieri ha preferito non venire, è accusata di numerosi reati, tra i più gravi l'associazione a delinquere, l'abuso d'ufficio e la corruzione. Chiesti dodici anni e tre mesi per l'avvocato Gaetano Cappellano Seminara, il "re" degli amministratori giudiziari, che ha lasciato l'aula bunker del carcere Malaspina di Caltanissetta senza volere dire niente. Undici anni e 10 mesi sono stati chiesti, poi, per un altro dei protagonisti del 'cerchio magico', il professor Carmelo Provenzano, molto vicino alla ex giudice. Secondo la Procura, avrebbe anche scritto la tesi di laurea del figlio di Silvana Saguto. E poi avrebbe persino pagato il suo rinfresco.

Due anni e sei mesi sono stati chiesti per il giudice Lorenzo Chiaramonte, che faceva parte della sezione presieduta da Saguto, e ancora, due anni per il giovane avvocato Walter Virga, figlio del magistrato Tommaso Virga. Saguto aveva scelto proprio il ragazzo per affidargli un immenso patrimonio sequestrato. "Per le amministrazioni giudiziarie sotto la guida dell'ex presidente della sezione Misure di prevenzione di Palermo Silvana Saguto era la prassi inserire persone senza alcuna competenza, come si sente anche dalle stesse intercettazioni", accusa il pm Maurizio Bonaccorso.

"Sono persone che non sanno dove mettere le mani - dice il pm - persone scelte in base all'amicizia o alla parentela". Sei mesi sono stati chiesti per il figlio della ex giudice, Emanuele Caramma mentre i pm hanno sollecitato l'assoluzione "perché il fatto non costituisce reato" per l'anziano padre della imputata 'eccellente', Vittorio Saguto, oggi novantenne. Dieci anni e 11 mesi sono stati sollecitati per un altro amministratore giudiziario, Roberto Santangelo; sei anni per l'ex prefetto di Palermo Francesca Cannizzo; 4 anni e 4 mesi per il professore Roberto Di Maria; sempre 4 anni e 6 mesi per Calogera Manta, collaboratrice di Provenzano e 5 anni per Maria Ingrao, la moglie di Provenzano. Pena pesante chiesta anche per un colonnello della guardia di finanza, Rosolino Nasca. Infine, è stata chiesta l'assoluzione per l'avvocato Aulo Gigante perché "il fatto non sussiste". Secondo l'accusa, Silvana Saguto, che ha sempre respinto le accuse, avrebbe "sfruttato e mortificato il suo ruolo di magistrato". Ma, ha sempre sottolineato il pm Bonaccorso durante la lunga requisitoria "è sbagliato parlare di processo all'antimafia".

Non ha risparmiato nessuno degli imputati, il pm Bonaccorso. "Non so come finirà, magari Nicola Santangelo e Carmelo Provenzano verranno assolti, ma per questa vicenda dovranno vergognarsi a vita", ha detto prima di chiudere la requisitoria. Parlando dei due imputati, ha spiegato: "i due, con una lettera, decisero di trasferire a Castellammare del Golfo un ragazzo che lavorava alla Motor oil di Caltanissetta, Andrea Repoli, mandando a 250 chilometri di distanza un giovane che percepiva 800 euro al mese - spiega -. Lo scopo era quello di metterlo con le spalle al muro e poi licenziarlo per giusta causa". Secondo la Procura, l'ex giudice Saguto "era la figura centrale di un vincolo associativo stabile" composto dalla stessa Saguto, da Carmelo Provenzano e Nicola Santangelo", rispettivamente docente e coadiutore giudiziario e amministratore giudiziario. "La prova del vincolo associativo stabile - ha detto il magistrato, che ieri era seduto accanto al Procuratore Amedeo Bertone e alla pm Claudia Pasciuti - emerge dalla frequenza dei rapporti dei soggetti". Adesso la parola passa alle parti civili e subito dopo alle difese dei quindici imputati. La sentenza dovrebbe essere emessa a metà maggio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Fonte: Adnkronos

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • Coronavirus, è record di nuovi contagi in Sicilia (+179): arrivano i primi tamponi rapidi

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Viale Regione, rapinatori armati di coltello assaltano il Lidl: scatta il fuggi fuggi

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • Coronavirus, in Sicilia ci sono altri 77 casi: positiva un'infermiera all'Ingrassia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento