Cronaca

Maxi rissa per un posteggio, intervengono anche i figli: 5 arresti a Misilmeri

Dalla strada all'"appostamento" sotto casa: un'accesa discussione per un parcheggio conteso è degenerata in una violenta colluttazione, con l’uso di caschi e oggetti contundenti. Necessario l'intervento di carabinieri e polizia

L'intervento dei carabinieri a Misilmeri

Un diverbio per un posteggio si trasforma in rissa e cinque persone finiscono in manette. E' successo ieri a Misilmeri. In azione i carabinieri del nucleo operativo e radiomobile. Tutto è nato intorno alle 14.30. Due uomini - dopo essersi "conteso" un parcheggio" - hanno dato il la a un diverbio abbastanza acceso nel centro di Misilmeri, ma grazie all’intervento della moglie di uno dei "contendenti", un 60enne (S.S. le iniziali) si sono separati e allontanati.

Poco dopo però il "secondo round". A innescarlo sarebbero stati i figli del "rivale", ovvero E.P. (19 anni) ed E.P (20) che hanno appena hanno avuto notizia del litigio in cui era rimasto coinvolto il padre si sono recati sotto l’abitazione del sessantenne invitandolo a scendere di casa per chiarire la situazione. A quel punto sono intervenuti anche i figli di S.S. (di 23 e 20 anni). 

"Nel giro di pochi secondi - dicono i carabinieri - la discussione è degenerata in una violenta colluttazione, con l’uso di caschi e oggetti contundenti". La maxi rissa è stata interrotta solo dall’intervento dei militari del nucleo operativo e radiomobile di Misilmeri, con il supporto di una pattuglia della polizia di Palermo. Ristabilita la calma tutti e cinque i protagonisti della rissa sono stati accompagnati in caserma dove sono stati tratti in arresto. Per loro sono poi scattati i domiciliari in attesa del rito direttissimo nel Tribunale di Termini Imerese fissato per oggi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi rissa per un posteggio, intervengono anche i figli: 5 arresti a Misilmeri

PalermoToday è in caricamento