Lunedì, 14 Giugno 2021
Cronaca

Bellolampo, apertura slitta di 24 ore Orlando: "Poi niente scuse"

Rinvio di 24 ore per la discarica chiusa il 29 luglio scorso dopo il gravissimo incendio doloso. Il sindaco polemico coi commissari Amia: "Mi aspetto un servizio efficiente". Ritenute sicure le pareti della quarta vasca

La discarica di Bellolampo

Ennesimo slittamento per la riapertura della discarica di Bellolampo, chiusa dal 29 luglio scorso per il gravissimo incendio doloso che ne ha colpito diverse zone, danneggiando alcuni impianti. Questa volta dovrebbe trattarsi di un rinvio di sole 24 ore, prima di riprendere regolarmente, senza necessità di conferire in altre discariche i rifiuti della città il servizio dell'Amia.

La riapertura era stata annunciata ieri da una nota del Comune. “E' stato disposto – dichiara il Sindaco Orlando - che uno specifico gruppo di monitoraggio verifichi l'attuazione di alcune prescrizioni rivolte all'Amia riguardanti l'attivazione dei nuovi impianti e la gestione della discarica nei prossimi mesi, necessari per evitare la chiusura della discarica ad aprile del 2013”.

“La riapertura della discarica – continua Orlando - segna definitivamente la fine dell'emergenza legata all'incendio, che è stata affrontata grazie all'abnegazione del personale dell'azienda, alla stretta collaborazione del Coime e all'impegno del Sindaco per reperire nuovi autocompattatori a costo zero, utilizzando quelli confiscati alle ditte dei mafiosi. Da questo momento i vertici dell'Amia non hanno più alcuna scusante per non garantire un servizio efficiente”.

Il tavolo tecnico che si è riunito ieri, dando il via libera per la riapertura della discarica di Bellolampo, ha valutato i risultati delle verifiche effettuate, anche su richiesta della Magistratura, rispetto alla tenuta delle pareti della quarta vasca, che sono state ritenute sicure, e rispetto alla eventuale presenza di percolato al di sotto dei teli di contenimento e impermeabilizzazione, per cui i sondaggi effettuati hanno dato esito negativo. E' stato inoltre verificato l'avanzamento dei lavori per l'impianto di prevenzione degli incendi, sulla base delle prescrizioni tecniche fornite dai vigili del fuoco.

“Le prescrizioni imposte ad Amia – afferma invece l’assessore alle Infrastrutture Tullio Giuffrè - come condizione per la riapertura dell'impianto, in particolare su richiesta del Ispra e della protezione civile e che saranno costantemente monitorate nelle prossime settimane, riguardano in primo luogo proprio il percolato, per cui è stato imposto il monitoraggio costante della tenuta dei teli di impermeabilizzazione, nonché l'avvio della seconda fase di "Palermo differenzia", che riguarderà oltre 130.000 cittadini. Il progetto – conclude l’assessore - che è stato definito in questi giorni partirà nella sua fase operativa a fine novembre, una volta ultimato l'approvvigionamento del materiale necessario”.
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bellolampo, apertura slitta di 24 ore Orlando: "Poi niente scuse"

PalermoToday è in caricamento