"Armato di pistola rapina un negozio e scappa": 39enne identificato e fermato 

Il colpo è stato messo a segno lo scorso 6 novembre in via Perez. Il malvivente dovrà rispondere anche di violazione della sorveglianza speciale. A incastrarlo le immagini riprese dalla telecamere e le descrizioni fornite dai testimoni

Il rapinatore fermato dalle telecamere

E' accusato di aver messo a segno, armato di pistola, una rapina in un negozio di detersivi e di materiali per la casa in via Perez e di averlo fatto violato la sorveglianza speciale, a cui era sottoposto da luglio scorso, per realizzare il colpo. Per questo Francesco Mirabile, pregiudicato palermitano di 39 anni, è stato sottoposto a “fermo di indiziato di delitto”. Ad eseguire il provvedimento, emesso dalla Procura della Repubblica di Palermo, la polizia.

La rapina risale al 6 novembre. Quel giorno un uomo, con il volto coperto da casco e scaldacollo, giunse a bordo di uno scooter davanti all'attività commerciale e una volta dentro, sotto la minaccia di una pistola costrinse il cassiere ad allontanarsi dalla cassa, si impossessò dei soldi presenti all'interno e poi fuggì via, facendo perdere le proprie tracce. A quel punto presero il via le indagini degli agenti della sezione “Antirapina” della Squadra Mobile, partite  da un’attenta analisi dei filmati estrapolati dal sistema di videosorveglianza installato all’interno dell’esercizio commerciale che avevano immortalato tutte le fasi della rapina. Incfrociando questi dati con le descrizioni somatiche del rapinatore fornite dalle vittime e dai testimoni è stato realizzato l'identikit che ha portato all'identificazione di Francesco Mirabile, soggetto già noto alle forze dell'ordine. I poliziotti hanno quindi scandagliato i luoghi frequentati abitualmente dal ricercato, partendo dalla sua casa e da quelle dei parenti. Nel corso di una di queste operazioni hanno trovato vicino all’abitazione del 39enne un motociclo ugiale a quello utilizzato dal rapinatore: nel vano sotto la sella del mezzo, hanno trovato poi il casco e lo scaldacollo indossati dal malvivente durante la consumazione della rapina.

Il controllo è stato quindi esteso alla casa, da cui Mirabile si era allontanato rendendosi irreperibile e violando le prescrizioni della sorveglianza speciale. All'interno dell'abitazione gli agenti hanno trovato il giubbotto di colore nero come quello indossato dall’autore della rapina e ripreso dal sistema di videosorveglianza, con all’interno di una tasca le chiavi del motociclo parcheggiato vicino casa, risultato di sua proprietà. I gravi e concordanti indizi raccolti dagli agenti a carico di Mirabile quale autore della rapina sono stati condivisi dall’autorità giudiziaria che ha emesso nei suoi confronti il provvedimento di fermo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A quel punto le ricerche da parte degli agenti della Mobile di Mirabile sono andate avanti fino a quando l'uomo non è stato rintracciato vicino via Volturno. "E' stato sorpreso - raccontano dalla Questura - con un borsone colmo di indumenti ed effetti personali, con cui era evidentemente in procinto di prolungre il suo stato di irreperibilità". Dopo gli adempimenti di rito Mirabile Francesco è stato condotto al Pagliarelli.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento