Cronaca

Mafia, 35 anni dopo il suo omicidio Cinisi ricorda Peppino Impastato

Il 9 maggio 1978 sui binari della ferrovia tra Palermo e Trapani fu ritrovato il cadavere del giovane attivista di Democrazia Proletaria. Per l'assassinio il boss Badalamenti fu condannato all'ergastolo. Crocetta "salta" l'appuntamento, il fratello Giovanni: "Istituzioni assenti"

Peppino Impastato

Sono trascorsi 35 anni dal 9 maggio 1978, quando sui binari della ferrovia tra Palermo e Trapani, all'altezza di Cinisi, fu ritrovato il cadavere di Giuseppe Impastato, da tutti conosciuto come Peppino. Il giovane attivista di Democrazia Proletaria, che con le sue ironiche invettive diffuse dalle frequenze di Radio Aut, era riuscito a trasmettere un messaggio di legalità e di contrasto alla cultura mafiosa, fu prima ucciso e successivamente dilaniato da una bomba fatta saltare in aria dagli uomini di don Tano Badalamenti, storico capomafia di Cinisi.

GLI EVENTI IN PROGRAMMA

Negli anni il messaggio di Peppino Impastato, amplificato da un fortunato film del 2001, "I cento passi", ha continuato ad essere divulgato attraverso le diverse generazioni, grazie all'impegno di tanti giovani e delle associazioni nate proprio a Cinisi, in quei luoghi che furono teatro delle sue azioni di sensibilizzazione. Per la sua morte, il 5 marzo 2001 la Corte d'Assise ha riconosciuto Vito Palazzolo colpevole, condannandolo a 30 anni. Mentre l'11 aprile del 2002, Badalamenti fu condannato all'ergastolo.

IMPASTATO RACCONTATO DA ALFONSO DE PIETRO (VIDEO)

Anche oggi il paese ricorderà il suo "martire", con il tradizionale corteo in memoria di Peppino Impastato e di sua madre Felicia, che non si rassegnò mai alla morte del figlio denunciando a sua volta quella criminalità organizzata che glielo aveva strappato. Alle 12 Giovanni Impastato avrebbe dovuto ricevere il presidente della Regione Rosario Crocetta  e consegnare le firme raccolte per ottenere l'esproprio del casolare dove il fratello fu ucciso. Un rudere lasciato in completo stato d'abbandono, e nel quale si spera possa essere creato un luogo della memoria. Ma il Governatore non si è recato all'appuntamento, pur avendo confermato la sua presenza fino a ieri. Cosa che ha fatto infuriare Impastato. "Da tempo sollecitiamo le istitutuzioni perchè si faccia qualcosa per il casolare dove fu ucciso mio fratello - ha detto Giovanni - ma anche stavolta le istituzioni si sono mostrate assenti"

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mafia, 35 anni dopo il suo omicidio Cinisi ricorda Peppino Impastato

PalermoToday è in caricamento