rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Cronaca Acqua dei corsari

Katia morta con la sua bimba: "Stava bene, è stata una disgrazia", ma la Procura apre un'inchiesta

Disposta l'autopsia sul corpo della donna di 38 anni deceduta all'ottavo mese di gravidanza e della neonata per chiarire le cause del malore improvviso. Lascia il marito e un altro figlio. "Era un'ottima madre e un'ottima moglie. Aveva desiderato tanto questa bambina..."

La Procura ha deciso di aprire un'inchiesta e sarà l'autopsia a stabilire con precisione quale sia stata la causa del decesso di Katia Todaro, 38 anni, morta ieri pomeriggio, all'ottavo mese di gravidanza. Inutile il cesareo d'urgenza col quale i medici del Buccheri La Ferla hanno tentato di salvare la sua bambina, Desiré, così avevano da tempo deciso di chiamarla i genitori. 

La morte della donna, già madre di un altro figlio di 13 anni e che aveva desiderato tantissimo la figlioletta in arrivo, è avvenuta improvvisamente, senza apparenti spiegazioni: sarebbe stata infatti in buona salute e il marito l'avrebbe trovata già priva di sensi nella loro casa di via Antonio Vian, ad Acqua dei Corsari. Gli inquirenti vogliono capire se la vittima sia stata seguita correttamente durante la gravidanza e se la tragedia avrebbe potuto essere in qualche modo evitata.

La famiglia è devastata dal dolore e per il momento preferisce non rilasciare dichiarazioni. Tanti i post di cordoglio sui social. Tra i quali anche quello di Rossella Saccone, una commerciante, che peraltro aveva visto la vittima il giorno prima della sua morte ed è rimasta sconvolta dalla terribile notizia.

"Aveva acquistato buona parte del corredino della bambina da noi - racconta commossa a PalermoToday - e so che aveva tanto desiderato la piccola. Era in buon salute, non mi risulta che avesse problemi, solo un po' di mal di schiena per via della gravidanza agli sgoccioli... Stava bene, è stata una disgrazia". E aggiunge: "Era davvero un'ottima mamma ed un'ottima moglie, una donna come ne esistono poche e vogliamo ricordare il suo sorriso, la sua solarità, anche se siamo davvero molto addolorati".

I medici del 118, chiamati dal marito, hanno fatto di tutto ieri pomeriggio per cercare di rianimare la donna dopo il malore, ma c'è stato ben poco da fare. La bimba che si è sperato di salvare è nata in gravissime condizioni e poi purtroppo è deceduta anche lei. Dopo gli accertamenti del medico legale sul corpo di Katia Todaro e anche su quello della figlioletta, le salme saranno restituite alla famiglia. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Katia morta con la sua bimba: "Stava bene, è stata una disgrazia", ma la Procura apre un'inchiesta

PalermoToday è in caricamento