menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonino Baldassarre Camarda - foto Facebook

Antonino Baldassarre Camarda - foto Facebook

Scivola e precipita da una balconata, 26enne palermitano muore dopo dieci giorni

La vittima si chiamava Antonino Baldassarre Camarda ed era residente a Santa Maria Imbaro, in provincia di Chieti. L'incidente lo scorso 14 settembre a Lanciano, nel corso delle Feste di settembre. I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

E' morto stamattina Antonino Baldassarre Camarda, l'operaio di 26 anni che 10 giorni fa era precipitato da una balconata a Lanciano (provincia di Chieti, in Abruzzo) durante la nottata di apertura delle Feste di settembre. Il giovane, originario di Palermo e da qualche anno residente a Santa Maria Imbaro, intorno alle 4.30 dello scorso 14 settembre era scivolato da un'altezza di quasi cinque metri battendo la testa sull'asfalto. 

Da una prima ricostruzione dei fatti, Antonino (da tutti conosciuto come Tony) - in compagnia di due amici - dopo lo spettacolo avrebbe tentato di raggiungere la sua auto, parcheggiata sotto una terrazza, calandosi dal parapetto per evitare di fare il giro a piedi. I tre erano infatti seduti su una balconata. All'improvviso il 26enne è volato giù, sulla strada sottostante: nella caduta ha battuto violentemente la testa.

Subito è stato trasportato dall'ambulanza del 118 all'ospedale ma a causa dei seri danni riportati, è stato trasferito in elisoccorso all'ospedale di Pescara per essere sottoposto a intervento chirurgico. Sul posto sono intervenuti i carabinieri per i rilievi. Sin dall'inizio le sue condizioni erano apparse gravissime. E purtroppo non si è mai ripreso.

Una volta diagnosticata la presunta morte encefalica è partito il cosiddetto periodo di osservazione, al termine del quale, alle 14.10, è stato certificato il decesso. Ok alla donazione degli organi da parte dei familiari. Dopo  le indagini dei carabinieri la Procura ha dato il via libera al prelievo degli organi e il nulla osta per la successiva sepoltura.

(Fonte: ChietiToday)
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento