Migrante positivo al Covid rientra al San Paolo Palace, fuga durata poche ore

L'egiziano che era riuscito a fare perdere le proprie tracce è tornato nella struttura alberghiera e si è consegnato. I sanitari, con le tute protettive, lo hanno accompagnato nella sua stanza

Il San Paolo Palace di via Messina Marine

È durata poche ore la fuga dell'egiziano positivo al Covid-19 e scappato dal San Paolo Palace. Il migrante che questa mattina aveva fatto perdere le proprie tracce, seminando il caos attorno alla struttura di via Messina Marine convenzionata con l'Asp e destinata ai soggetti positivi al virus ma asintomatici, è tornato spontaneamente in albergo e si è consegnato. I sanitari, una volta indossate le tute anticontagio, lo hanno accompagnato nella sua stanza. Dalle prime informazioni pare che l'uomo volesse incontrare i suoi familiari.

La conferma è arrivata dalla Prefettura che aveva coordinato le ricerche e avviato contestualmente delle indagini interne per chiarire come abbia fatto l'uomo, arrivato dalla tensostruttura di Porto Empedocle o dall'hotspot di Lampedusa, a eludere i controlli. Davanti al San Paolo Palace infatti è previsto un presidio fisso affidato alle forze di polizia. Al momento sono 38 migranti in quarantena nella struttura di via Messina Marine. L'egiziano sarà ascoltato per chiarire cosa abbia fatto in queste ore e se sia riuscito a incontrare qualcuno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, ordinanza restrittiva di Musumeci: "Chiuse fino al 16 gennaio tutte le scuole"

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Cervello, irrompe in un reparto Covid e (senza mascherina) urla ai medici: "Voglio vedere mio padre"

Torna su
PalermoToday è in caricamento