Cronaca

Covid, morto il reumatologo Angelo Ferrante: "Col suo lavoro ha reso il mondo migliore"

Aveva 52 anni e aveva contratto il virus tre mesi fa. Era anche docente dell'Università di Palermo. Il ricordo unanime di colleghi e allievi: "Eccelse doti di didatta e grande disponibilità umana. Verso i pazienti ha sempre dimostrato e praticato un rapporto empatico che certamente contribuiva ad alleviare le loro sofferenze"

Angelo Ferrante

Un medico preparato e capace, sempre disponibile e pronto al dialogo e all'ascolto. Uno di quei professionisti capaci di instaurare un rapporto umano con i suoi pazienti, accolti e confortati anche davanti alle diagnosi più severe. Così colleghi, amici e conoscenti ricordano Angelo Ferrante, reumatologo e docente dell'Università di Palermo stroncato, a soli 52 anni, dal Coronavirus. 

"L’Università - si legge sul sito internet dell'ateneo - esprime il più sentito cordoglio per la scomparsa del professore Angelo Ferrante, docente di Reumatologia del dipartimento Promozione della Salute, Materno-Infantile, di Medicina Interna e Specialistica di Eccellenza G. D’Alessandro".

"Angelo Ferrante – ricordano i colleghi - è stato punto di riferimento importante per gli studenti del corso di laurea in Medicina per i quali ha sempre dimostrato oltre che eccelse doti di didatta, una disponibilità per cui era considerato un docente-amico. È stato inoltre un ricercatore valente nel settore della Reumatologia dove ha dato un contributo notevole allo sviluppo della disciplina. Notevole infine l’attività assistenziale verso i pazienti, con i quali ha sempre dimostrato e praticato un rapporto empatico che certamente contribuiva ad alleviare le loro sofferenze".

La notizia della sua morte si è sparsa rapidamente e in tanti lo ricordano sui social. "Grandissima professionalità e grandissima umanità. Angelo ha reso il mondo migliore. Sarà ricordato con amore e gioia", scrive un collega. E ancora in un altro post si legge: "Non ha superato questo maledetto virus! Persona buona e splendida che si è sempre immedesimato nei pazienti. Sono certo che mancherà a molti: colleghi, pazienti e quanti lo hanno conosciuto e frequentato. Un abbraccio alla famiglia".

I suoi allievi lo ritraggono come "un grandissimo professore, umanamente e detentore di grande conoscenza medica e scientifica". "Ho una rabbia dentro immensa - scrive una collega, impegnata da mesi contro il Coronavirus all'ospedale Cervello - era una persona perbene, aveva una famiglia. Tre mesi fa il Covid, forse preso al lavoro o forse al supermercato come tanti. Ha lottato come una tigre per tre mesi. E oggi la malattia ha vinto. Oggi è morto un medico, un padre, un marito, uno di noi. Ogni giorno muore un pezzo di noi. Angelo era uno di noi. Che la terra ti sia lieve”.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Covid, morto il reumatologo Angelo Ferrante: "Col suo lavoro ha reso il mondo migliore"

PalermoToday è in caricamento