Amat, scaduti i contratti degli autisti interinali: la Nidil Cgil spinge per una proroga

Nelle more del concorso pubblico, annunciato dal presidente Cimino, il sindacato chiede che "i contratti in somministrazione vengano subito rinnovati". Il segretario Anrea Gattuso: "Si dia priorità a chi non ha maturato il diritto alla disoccupazione"

Un bus Amat della linea 101

Sono scaduti il 31 agosto i contratti dei cento lavoratori interinali che l’Amat ha impiegato nell'ultimo anno e mezzo alla guida dei bus. PalermoToday ne aveva dato notizia nell'ambito del piano per l'assuzione in pianta stabile di 50 autisti, annunciato dal presidente Michele Cimino. Adesso la Nidil Cgil chiede che, in attesa dei tempi lunghi di un concorso pubblico, "i contratti in somministrazione vengano subito rinnovati anche per dare immediata risposta a una trentina di autisti interinali della platea che, con soli due mesi di lavoro alla guida degli autobus, non sono riusciti a maturare il diritto alla disoccupazione".  

"Il monte ore di lavoro svolto dagli autisti somministrati da Temporary, l’agenzia di lavoro che ha vinto la gara bandita dalla municipalizzata, si è esaurito il 31 agosto -. Visto che con un concorso passerebbero mesi per sopperire alla carenza di personale, il ricorso a una nuova gara per un ulteriore pacchetto di lavoro in somministrazione accorcerebbe sensibilmente i tempi. Si continui con la somministrazione e all'interno dei somministrati sia garantita a tutti, con una opportuna rotazione, la continuità di reddito, per far sì che non ci siano più lavoratori penalizzati rispetto ad altri".     

Bisognerà convincere il presidente dell'Amat, secondo cui "il lavoro interinale non deve essere la regola", e stare attenti ai "paletti" del nuovo decreto Dignità. "Il lavoro di questi cento autisti è stato impeccabile - sostiene invece il segretario della Nidil Cgil Andrea Gattuso - e pertanto in caso di nuovo ricorso al lavoro interinale non si può che partire da queste professionalità". Tra i 100 autisti interinali, alcuni hanno svolto più di un anno di lavoro mentre altri non hanno superato i 2 mesi di attività. Da qui l'dea di una rotazione. “Vista la nuova normativa del cosiddetto decreto Dignità, che impone anche per la somministrazione, così come per tutti i contratti a termine, un tetto di massimo 24 mesi di lavoro - sottolinea Gattuso - una rotazione del personale somministrato darebbe continuità lavorativa a tutta la platea di lavoratori garantendo così anche l’efficienza dell’azienda e un buon servizio a tutti i cittadini palermitani”. 

Nei giorni scorsi il nuovo presidente Amat Michele Cimino ha manifestato l'intenzione di procedere a un nuovo bando per l’assunzione di 50 autisti. "L'idea non può che essere accolta positivamente, non solo per i risvolti occupazionali, ma in generale per garantire l’efficienza del servizio dell’azienda di trasporto pubblico - conclude Gattuso -  Ma i tempi per l’emanazione di un bando di concorso rischiano però di essere lunghi, viste anche le difficoltà dal punto di visto di bilancio che comunque richiedono diversi non semplici passaggi politici". 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Insospettabile palermitana si prostituiva: la vicenda finisce a processo

  • Tony Colombo e la camorra, nervi tesi da Giletti: lui minaccia di lasciare lo studio

  • Tragedia a Bellolampo: uomo ucciso da una cavalla durante il parto, grave il figlio

  • La mafia palermitana del dopo Riina: "Comandano i boss anziani, mettono tutti d'accordo"

  • I "tre coni" del Gambero Rosso a Cappadonia: suo il gelato più buono della Sicilia

  • Documenti falsi e truffa sulle protesi, bufera all'ospedale Civico: arrestato primario

Torna su
PalermoToday è in caricamento