Venerdì, 6 Agosto 2021
Cronaca

Fuochi d'artificio in più punti, "festinelli" e luminarie fino a settembre: così Palermo celebrerà Santa Rosalia

Anche l'edizione numero 397 del Festino sarà in tono minore per effetto delle norme anti Covid: niente corteo del carro (che rimarrà fermo ai Quattro canti) e giochi pirotecnici al Foro italico per evitare assembramenti. L'assessore Zito: "Siamo obbligati alla prudenza, decentreremo i festeggiamenti"

Fuochi d'artificio in più punti e non solo al Foro italico, niente corteo del carro trionfale lungo il Cassaro, luminarie accese dal 10 luglio al 10 settembre. Anche l'edizione numero 397 del Festino di Santa Rosalia sarà in tono minore: lo impongono le norme anti Covid anche se da oggi tutta Italia è in zona bianca. "Lo stato d'emergenza - dice l'assessore alle Culture, Mario Zito - è in vigore sino al 31 luglio, motivo per cui siamo obbligati alla prudenza".

Per evitare maxi assembramenti, allo studio del Comune ci sono varie ipotesi. "Una di queste - spiega l'assessore - è di fare giochi pirotecnici decentrati, ovvero in più zone, in modo tale da scongiurare concentramenti di persone al Foro italico. Non è ancora ufficiale, perché non sono state completate le verifiche degli uffici assieme a questura e prefettura". Si profila dunque una soluzione diversa rispetto allo scorso anno, quando si è deciso di sparare un solo botto.   

Già confermato lo stop alla sfilata del carro con la Santuzza. Quest'ultimo, in fase di restauro a piazza del Parlamento (l'intervento è stato affidato alla Vm Agency Group di Vincenzo Montanelli), sarà piazzato ai Quattro Canti a partire dal 10 luglio. Non è esclusa però l'organizzazione di alcuni spettacoli: l'assessore Zito li chiama "festinelli" e dà notizia di "una valutazione in corso per poterli organizzare in alcuni quartieri".

L'idea è sempre quella di decentrare per non creare assembramenti. "E - aggiunge Zito - di dare senso e continuità alla festa tenendo accese le liminarie da luglio a settembre. Un modo per legare la festa profana sino alla festa religiosa del 4 settembre, quando ci sarà la classica acchianata a Monte Pellegrino".

Per giovedì 8 luglio è stata fissata la conferenza stampa fra il Comune e la Curia arcivescovile: in quell'occasione verranno svelate anche le novità del programma religioso. Dai vespri solenni, che si terranno la sera del 14 luglio, al Pontificale dell'arcivescovo Corrado Lorefice il 15 luglio. Lo stesso giorno il simulacro argenteo si sposterà dalla cappella al sagrato della Cattedrale. La processione però non dovrebbe svolgersi. 

"Al Centro sperimentale di cinematografia - conclude Zito - è stata commissionata la realizzazione di un documentario, della durata di 20 minuti, che sarà distribuito a titolo gratuito a tutte le tv e le testate giornalistiche che ne faranno richiesta". Le fasi di lavorazione del progetto filmico prevedono riprese dell'allestimento del carro, delle luminarie e dei fuochi d'artificio. Un collage dei momenti più significativi, con testimonianze anche in presa diretta, prima e durante il Festino.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fuochi d'artificio in più punti, "festinelli" e luminarie fino a settembre: così Palermo celebrerà Santa Rosalia

PalermoToday è in caricamento