rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Calcio

Misilmeri, parola al bomber Di Giuseppe:” Castellammare avversario duro, ci attende un mese decisivo”

Autore di sei gol in stagione, l’attaccante classe 1985 originario del Lazio analizza le prospettive della Don Carlo in vista del rush per la Serie D: “Dobbiamo pensare gara dopo gara ed essere pratici, importante accorciare il gap con il Canicattì prima dello scontro diretto”

Dopo essere stato a lungo condizionato da un problema al piede l’esperto Claudio Di Giuseppe è tornato da qualche tempo in pianta stabile al centro dell’attacco della Don Carlo Misilmeri. Autore di sei gol in campionato, tra cui l’ultimo domenica scorsa decisivo per la vittoria in quel di Casteltermini, l’attaccante nativo di Cerveteri è emerso come uno dei protagonisti dell’ambiziosa squadra biancorossa, in serie positiva da undici partite e pronta ad entrare nel rush finale della volata alla Serie D.

Arrivato in Sicilia tre stagioni fa dopo una carriera passata tra centro e nord Italia, il classe 1985 è arrivato in biancorosso quest’estate dal Dattilo: “Per me è la prima esperienza in una realtà palermitana - spiega a PalermoToday - non conoscevo l’ambiente e nemmeno il presidente ma dopo una breve chiacchierata con lui e con il tecnico che c'era allora è stato abbastanza facile firmare per il Misilmeri. Avevo diverse proposte ma non ho dubbi di aver fatto la scelta migliore nel venire qui”.

Giocatore con alle spalle una lunga militanza tra Serie D ed Eccellenza, Di Giuseppe si esprime così in merito al livello del torneo: “Devo dire che questo è il campionato più difficile che sto disputando parlando di Eccellenza - afferma - ci sono veramente tante squadre che lottano per i piani alti mentre negli anni passati la concorrenza si riduceva a due massimo tre squadre. Negli anni passati la lotta per l’alta classifica era più semplice adesso invece no: sicuramente questa parentesi di mercato che si è aperta potrebbe pure cambiare gli equilibri. Questo vale in positivo come in negativo: cambiare a febbraio è rischioso, bisogna fare delle scelte mirate, cosa che noi stiamo facendo”.

L’attaccante della Don Carlo spiega poi cosa potrà fare la differenza in questi ultimi mesi per riuscire ad emergere nella corsa alla promozione: “Può sembrare la classica frase banale ma è la realtà -sottolinea - bisogna pensare partita per partita. Adesso, specie nel girone di ritorno, ogni gara ha una storia a sé e non è mai semplice in nessuna circostanza: basti vedere cosa è successo al Canicattì domenica scorsa contro il Monreale. Quindi è fondamentale pensare gara dopo gara ed essere pratici: questo fa assolutamente la differenza”.

Di Giuseppe si sofferma anche sul prossimo impegno della squadra biancorossa che riceve l’ostico Castellammare di mister Mione, quinta forza del campionato: “A me il Castellammare ha impressionato molto -dice - all’andata siamo riusciti a vincere ma è stata una partita sofferta per quanto abbiamo vinto 2-0: penso che loro verranno a fare la partita a viso aperto, non hanno nulla da perdere e non si accontenteranno. Domenica sarà una sfida molto difficile: sfrutteremo il fattore casa che è fondamentale soprattutto adesso che abbiamo ritrovato i nostri tifosi. In questo mese non bisogna scordare che avremo tre partite in casa. Inutile dire che il nostro obiettivo è quello di portare a casa il massimo del bottino”.

In chiusura il bomber biancorosso parla del frangente che attende la squadra nelle prossime quattro settimane che comprendono anche le due sfide interne contro la Pro Favara e il Canicattì capolista e diretta rivale per la D: “In queste tre partite bisogna sbagliare assolutamente il meno possibile -conclude - arrivare allo scontro diretto contro il Canicattì riducendo il gap per noi è fondamentale. Contro la Pro Favara sarà una partita tosta: all’andata abbiamo perso e loro, che per altro hanno un difensore molto forte come Fragapane, si sono rinforzati prendendo Gambino. Arrivare allo scontro diretto contro il Canicattì dovendo giocare prima col Favara è un po’ difficile ma noi vogliamo ridurre il gap: la sfida contro di loro quando arriverà varrà sei punti”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Misilmeri, parola al bomber Di Giuseppe:” Castellammare avversario duro, ci attende un mese decisivo”

PalermoToday è in caricamento