menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'avvocato Giancarlo Pellegrino

L'avvocato Giancarlo Pellegrino

Villabate, appalto per l'illuminazione pubblica revocato: giudici danno ragione al Comune

I giudici del consiglio di giustizia amministrativa hanno respinto il ricorso “Citelium sa”, a cui l’Amministrazione comunale aveva revocato l’appalto. La vicenda tra vari ricorsi va avanti da cinque anni

Si è definitivamente chiusa la vicenda sull’appalto per l’illuminazione pubblica di Villabate finita sono i riflettori dell’Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici. I giudici del consiglio di giustizia amministrativa hanno respinto il ricorso “Citelium sa”, con sede a Parigi, a cui l’Amministrazione comunale - assistita dall’avvocato Giancarlo Pellegrino - aveva revocato l’appalto. La vicenda tra vari ricorsi va avanti da cinque anni.

Il nodo del contendere è l’appalto ventennale vinto dalla “Citelium sa” il 13 dicembre 2012. Secondo l’Avpc, la durata del contratto sarebbe in contrasto con le normative in materia di appalti pubblici. Ma non solo: la stazione appaltante, il comune di Villabate, nel contratto si fa carico anche della quota destinata agli investimenti sui punti luce. Il Tar di Palermo aveva confermato quanto aveva rilevato l’Authority, cioè che la spesa dovesse essere un costo che doveva sostenere l’aggiudicatario “tramite l’utile ricavato dai risparmi energetici prodotti dalla propria tecnologia”.

La conferma arriva anche dai giudici del Cga  che affermano nella sentenza che “giustamente il Comune aveva rimosso i provvedimenti originari in quanto la scelta della durata ventennale si era rivelata illegittima per l’assenza nell’impostazione complessiva della procedura di un effettivo finanziamento tramite terzi, sicché non era rispecchiato, né nella forma né nella sostanza, lo schema normativo di riferimento”.

I giudici di appello hanno respinto anche la domanda di danni ritenendo che “non è configurabile una posizione soggettiva inerente la qualità di soggetto aggiudicatario con diritto all’esecuzione del contratto ed alla relativa valorizzazione curriculare, cui ricollegare un pregiudizio risarcibile”. La "Citelium sa" si era aggiudicata l’appalto ventennale per il servizio cittadino di pubblica illuminazione per 8.070.785,09 milioni di euro, dopo un ribasso del 22,22% sul prezzo a base d’asta. Ammontare così suddiviso: 53.694,95 euro all’anno per la gestione ordinaria del servizio; 125.989,43 euro come canone annuo per la fornitura dell’energia e 123.854,88 euro quale canone annuo per gli investimenti. Per un totale di 303.539,26 euro all’anno. Nell’importo contrattuale complessivo sono pure compresi gli oneri di sicurezza, 50.535 euro non soggetti a ribasso. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento