menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Valentina B. con la figlia

Valentina B. con la figlia

"Ho temuto per la vita di mia figlia", parla la mamma travolta da uno scooter in fuga

A parlare a Palermo Today è Valentina B., la donna che è stata investita da un ciclomotore mentre si trovava nei pressi di via Belgio. I due ragazzini che erano sul mezzo stavano fuggendo dalla polizia

"Ho avuto paura per la vita di mia figlia, ancora adesso non so dire come sia riuscita a proteggerla. Camminavo tranquilla con mio marito e le bimbe e un secondo dopo mi sono ritrovata contro un muro, terrorizzata per me e per loro". A parlare a Palermo Today è Valentina B. la donna che ieri è stata travolta da uno scooter in fuga mentre si trovava nei pressi di via Belgio. I due ragazzini che erano sul mezzo stavano fuggendo dalla polizia e non hanno esitato a salire sul marciapiedi, travolgendo la giovane mamma.

"Ero con mio marito e le nostre bimbe, di tre e sei anni - racconta Valentina -. Stavamo accompagnando la 'grande' in palestra. Io davo la mano proprio a lei. Mio marito teneva la piccolina. In un attimo è successo di tutto. Un motorino mi è finito addosso. Mi sono ritrovata spinta contro un muro urtando dei vasi in cemento. Quando è avvenuto l'impatto io avevo appena preso in braccio la bimba. Ho cercato di farle da scudo".

I ricordi affiorano a poco a poco, tra il sollievo per lo scampato pericolo e la preoccupazione che ancora c'è. "Mentre cercavo di capire cosa era successo, ho visto che i ragazzini sul motorino sono stati raggiunti da altri uomini, che li hanno immobilizzati. Non sapevo chi fossero. Avevo paura e volevo solo andare via". "Solo dopo - racconta - mi hanno detto che erano agenti della polizia in borghese e che i due ragazzi stavano scappando".

"Le bimbe impaurite, io dolorante e frastornata, mio marito che ha visto tutto e ha cercato di proteggerci - ricostruisce ancora Valentina - . Io sono stata accompagnata al pronto soccorso di Villa Sofia dal 118. Mi hanno fatto diversi accertamenti. Tutto sommato sto bene. Ho un po' di dolori, ma mi hanno detto che è normale. Mi figlia ha avuto un forte choc, ma sta bene. Lei non ha neppure un graffio, un miracolo. Davvero non so come ho fatto a proteggerla. Adesso c'è il difficile. Lei non ha dormito e, in verità, neanche io. Si addormentava e poi si rivegliava. La conosco, è come me. Il trauma verrà fuori adesso. La paura è stata enorme. Lo posso raccontare ed è già una cosa importante, ma ancora adesso se ci penso mi sento male. Sono confusa. Le tengo vicino e penso che sono fortunata in fondo: loro stanno bene".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento