Cronaca

Massimo: via al commissariamento, il futuro del teatro fra 40 giorni

Volge al finale lo scontro tra il Sovrintendente e il Sindaco. La Fondazione ha 20 giorni per inviare le proprie controdeduzioni e il ministero altri 20 per concludere la procedura

Il teatro Massimo, foto repertorio

Il ministero per i Beni culturali ha comunicato oggi al sindaco di Palermo, nella qualità di presidente della Fondazione Teatro Massimo, al sovrintendente e ai componenti del cda della fondazione, l'avvio del procedimento di commissariamento della Fondazione. Nelle scorse settimane Leoluca Orlando aveva comunicato al ministero le "difficoltà di gestione" della fondazione e la composizione "illegittima" del cda, che il sindaco si rifiuta di convocare.

“Si ritiene - si legge nella nota del ministero con cui viene notificato l'avvio del procedimento - che emergono elementi oggettivi di impossibilità di funzionamento degli organi deliberativi della fondazione, tali da prefigurare la paralisi dell'attività istituzionale dell'ente e l'impossibilità di programmare e attuare la stagione operistica e la realizzazione degli obiettivi produttivi". Vengono assegnati venti giorni di tempo alle parti per fornire controdeduzioni, "significandosi che il procedimento si concluderà nel termine massimo di quaranta giorni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Massimo: via al commissariamento, il futuro del teatro fra 40 giorni

PalermoToday è in caricamento