menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il 65enne Melchiorre Sciurba

Il 65enne Melchiorre Sciurba

"Hanno ritrovato papà", dopo quasi quattro giorni Melchiorre Sciurba torna a casa

Il 65enne di Pallavicino è stato rintracciato a Messina. A contattare la famiglia un uomo che aveva letto la notizia sui giornali e i post su Facebook. La figlia: "Grazie a tutti, sono rimasta sorpresa per la grande solidarietà"

"Stai tranquillo papà, ti stiamo venendo a prendere". Queste le parole dette tramite telefono dalla figlia di Melchiorre Sciurba, il 65enne che si era allontanato quasi quattro giorni fa da Pallavicino gettando nello sconforto la sua famiglia. A individuarlo, a Messina, è stato un uomo che aveva letto la notizia sui giornali e i vari appelli pubblicati sui social.

"Stamattina stavo preparando alcuni volantini con la sua foto e la scritta ‘scomparso’ - spiega a PalermoToday la figlia Nancy - quando mi ha chiamato mia madre: ‘Hanno ritrovato papà’. Una notizia fantastica. Sono rimasta piacevolmente sorpresa dalla solidarietà che ci è stata mostrata dagli amici e anche da tanti sconosciuti".

La figlia di Melchiorre ha contattato i carabinieri chiedendo loro di far intervenire anche un’ambulanza: "Non sappiamo - spiega senza nascondere la sua commozione mentre sta raggiungendo Messina in auto - se ha preso le sue pillole, se ha mangiato o bevuto. Con questo caldo potrebbe essere disidratato”.

Il 65enne si era allontanato sabato mattina, dopo aver accompagnato la sua famiglia in spiaggia. Poi era tornato a casa per fare colazione e prendere le medicine, senza però tornare a mare dalla figlia e dai nipoti. I familiari, dopo aver provato senza successo a chiamarlo, si sono preoccupati quando hanno trovato tutti i suoi effetti personali nel suo appartamento.

Su un tavolino all’ingresso c’era la sua fede, il portafogli, le chiavi di casa e le pillole. Vicino al bancomat c’era anche un bigliettino con i codici pin e un altro pezzo di carta con su scritto: “Soli”. Tanti indizi che hanno fatto temere loro il peggio. "Voglio ringraziare la vostra redazione e chiunque si sia interessato a mio padre", conclude la figlia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento