Cronaca

Palermo, Zamparini resta ai domiciliari: "Capace di condizionare vicende societarie"

Il gip ha respinto la richiesta avanzata dai legali dell'ex patron rosanero. Il giudice ha considerato una "partita di giro" la trattativa naufragata con gli inglesi, interpretando la nomina del'ad De Angeli come un tentativo di mantenere il controllo sulla società

L'ex presidente del Palermo Maurizio Zamparini

Prima gli inglesi e la cessione naufragata, poi l’interessamento di una cordata americana e infine la nomina come amministratore delegato di Daniela De Angeli, storica collaboratrice del patron friulano. Il giudice per le indagini preliminare Gioacchino Scaduto ha respinto la richiesta di scarcerazione avanzata dai legali di Maurizio Zamparini. Resta quindi ai domiciliari l’ex presidente del Palermo che per il tribunale “si sarebbe ritrovato, direttamente o indirettamente, attraverso persone di assoluta fiducia nella piena disponibilità della società e quindi nella concreta possibilità di condizionare, come in passato, le vicende societarie”.

Il gip ha considerato le trattative con gli inglesi una “partita di giro”, catalogando inoltre tali imprenditori della Sport Capital Group Investment ltd come “soggetti nella migliore delle ipotesi inaffidabili”. Sulla richiesta avanzata dagli avvocati di Zamparini la Procura si era già espressa fornendo un parere negativo sull’ipotesi della scarcerazione. Da allora ad oggi, fatta eccezione per l’ingresso dei fratelli Mirri che è servito a scongiurare la penalizzazione in classifica, non ci sarebbero novità tali da giustificare la richiesta e il suo accoglimento. E intanto i rosanero, dopo i tre schiaffi presi dal Crotone, sono stati sorpassati in classifica dal Benevento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, Zamparini resta ai domiciliari: "Capace di condizionare vicende societarie"

PalermoToday è in caricamento