Un progetto per il fiume Oreto e la costa, arrivano 13 milioni di euro

La Giunta comunale ha firmato una delibera per acquisire risorse del Fondo europeo di sviluppo regionale 2013-2020. Previsti interventi dal porticciolo di Sant'Erasmo allo Stand Florio, con l'eliminazione di vecchi edifici e manufatti industriali

Il rendering del progetto sul fiume Oreto e la costa

Tredici milioni di euro per far tornare al loro antico splendore il fiume Oreto e la zona compresa tra il porticciolo di Sant’Erasmo e lo Stand Florio. È questa la somma richiesta dal Comune alla Regione con un delibera approvata giovedì sera e mirata all’acquisizione di risorse comunitarie del Fondo europeo di sviluppo regionale 2013-2020. L’obiettivo è quello di ripristinare l’ambiente acquatico e delle sponde, riqualificando l’area di piazza Tumminello, abbattendo alcuni vecchi edifici davanti al mare ed eliminando scarichi abusivi e discariche. Dopo il progetto da 5 milioni di fondi comunitari approvato definitivamente a giugno della Rete "Natura 2000" per la sistemazione del bacino fluviale con interventi legati all'ambiente acquatico e alle sponde, il Comune punta a completare la progettazione con un intervento che riguarda lo sbocco a mare del fiume. 

"Dopo aver individuato i finanziamenti necessari per intervenire sullo stato del fiume - afferma il sindaco Leoluca Orlando - il Comune si è attivato per un ulteriore importante passo verso il totale recupero dell’Oreto, per restituirlo il più possibile al suo stato di corso d’acqua naturale, combattendo gli scarichi abusivi e progettando interventi per la tutela e la fruizione sostenibile. Ora un nuovo progetto, per il quale contiamo di poter accedere ai fondi comunitari da impegnare entro la fine dell’anno, per completare un intervento storico per la nostra città. Un intervento, che unito a quelli per la depurazione delle acque, permette sempre più di guardare al futuro di una Palermo che riscopre il mare e la sua fruizione".

immagine foce Oreto-2

L’area della foce del fiume, viene ricordato nella relazione che accompagna il progetto, è stata utilizzata negli anni come discarica di inerti già a partire dal secondo dopoguerra, determinando un consistente avanzamento della linea di costa che negli ultimi 20 anni circa è arretrata per l’azione erosiva del mare. Si tratta di un’area in gran parte inutilizzata e in stato di semiabbandono in cui i rifiuti affiorano dal terreno, dove ci sono anche vecchi manufatti industriali come una fabbrica di mattoni, un deposito di carburanti e un rimessaggio. Un altro problema è quello del rischio idrogeologico, tipico delle zone limitrofe alla foce dei fiumi. "Il progetto - si legge in una nota del Comune - si propone quindi di partire proprio dalla rimozione delle principali criticità presenti, quale precondizione per un intervento di rinaturalizzazione".

A questi interventi se ne accompagneranno altri relativi al decoro urbano e per il miglioramento della fruibilità dell’area, con la sistemazione di piazza Tumminello e del marciapiede antistante lo Stand Florio. "Saranno quindi abbattuti complessivamente - spiegano ancora dall’Amministrazione - 16 edifici prospicenti il mare. Si procederà poi alla sistemazione e al consolidamento del suolo con la realizzazione di un muro di contenimento paraonde. Un successivo intervento, grazie al supporto di una équipe di biologi, geologi, architetti e geotecnici, sarà finalizzato alla rigenerazione del suolo tramite l’impianto di nuova vegetazione compatibile con le condizioni geologiche e climatiche del sito".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine un intervento specifico sarà destinato alla definizione di piazza Tumminello, che si trova davanti al porticciolo di Sant’Erasmo. Uno slargo oggi asfaltato e non definito che verrà sostituito da un'area pedonale residuale e opere "coerenti con le sue valenze storico paesaggistiche" in armonia con la vicina Villa Giulia e lo stesso porticciolo. Complessivamente l’intervento avrà un costo previsto di 13,3 milioni di euro, di cui 8,2 per i materiali lavori e 5,1 per le spese accessorie.

La relazione completa sul progetto

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento