menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'uscita dei mezzi dal Comando provinciale della guardia di finanza

L'uscita dei mezzi dal Comando provinciale della guardia di finanza

Mafia, schiaffo al clan dell'Acqusanta: ecco i nomi dei 90 arrestati

L'elenco completo delle persone coinvolte nell'operazione della guardia di finanza "Mani in pasta", tra presunti boss, gregari, insospettabili professionisti e anche un ex concorrente del Grande fratello

Novanta arresti eseguiti dalla guardia di finanza con l'operazione scattata all'alba nella zona dell'Acquasanta e arrivata sino al Nord Italia. Indagate complessivamente 111 persone. Presunti boss, gregari, insospettabili professionisti e anche prestanome come un ex concorrente del Grande fratello. Ecco l'elenco completo dei soggetti nell'inchiesta "Mani in pasta".

Terremoto nel clan dell'Acqusanta, 90 arresti

Il gip Piergiorgio Morosini ha disposto il carcere per 46 persone: Pietro Abbagnato, Fabrizio Basile, detto “Fabio” o “u fasuluni”, Giulio Biondo, Filippo Canfarotta, Fabio Chiarello, Andrea e Salvatore Ciampallari, Salvatore Ciancio, Letizia Cinà, Paolo Attilio Remo Cotini, Gianpiero D’Astolfi, Danilo D’Ignoti, Lorenzo Di Salvo, Giovanni Di Vincenzo, Francesco Ferrante, Francesco Pio Ferrante, Giovanni Ferrante detto “Nanni”, Michele Ferrante, Angelo Fontana, Gaetano Fontana, Giovanni Fontana, Rita Fontana, Nunzio Gambino, Salvatore Giglio, Roberto Giuffrida, Ivan Gulotta, Roberto Gulotta, Giovanni Mamone, Giulio Mutolo, Sergio Napolitano, Domenico Onorato, Santo Pace detto “Santino”, Domenico Passarello detto “Mimmo”, Emilia Passarello, Giuseppe Patuzzo, Gaetano Pensavecchia, Luigi Pensavecchia, Gaetano Pilo, Michela Radogna, Liborio Sciacca, Giuseppe Scrima (classe 1944), Giuseppe Spallina, Angela Teresi, Domenico Zanca, Francesco Charles Fabio e Filippo Lo Bianco.

Immobili, società e cavalli: sequestro da 15 milioni

Il giudice ha invece disposto gli arresti domiciliari per 44 persone: Cristian Ammirata, Antonino Arnone, Lorenzo Badalamenti, Salvatore Badalamenti, Salvatore Barrale, Tommaso Bassi, Antonino Bonura detto “bombolo”, Cosimo Cangelosi, Antonino Conticelli, Alessandro De Martin, Tommaso Di Lorenzo, Antonino Di Vincenzo, Leonardo Distaso, Giuseppe Gambino, Tommaso Gambino, Giovanni Giannusa, Domenico La Mattina, Ivan Martorana, Davide Matassa, Gerardo Antonio Orvieto Guagliardo detto “Jonathan”, Mauro Parussati, Raffaele Pensavecchia, Domenico Pitti, Giuseppe Davide Pizzo, Massimiliano Regge, Carmelo Rubino, Roberto Russello, Rosolino Ruvolo, Giuseppe Salamone, Alessio Salerno, Alessio Sardisco, Giuseppe Scrima (classe 1986), Marco Spina, Pasquale Tanzillo, Massimo Tarantino, Giuseppe Todaro Bruno (classe 1973), Nicolò Todaro Bruno (classe 1969), Elvis Vessichelli, Francesca Zaami, Riccardo Colombo, Pietro Leonardo Ambrogio Cotini, Laura Fabio, Vittorio Stanislao Pontieri e Daniele Santoianni.

I retroscena: "Guerra tra i clan per lo 'scaro'"

Sono invece indagate a piede libero 21 persone per le quali il gip ha respinto la richiesta della Procura di applicare una misura cautelare: Daniele Aiello, Gioacchino Basile, Giuseppe Casesa, Rosario D’Antoni, Luigi De Francesco, Giovanni La Rosa, Gianluca Panno, Rosa Trovato, Simone Alaimo, Nunzia Arcara, Agostino Aromatico, Carmelo De Luca, Angela Ferracane, Rosario Li Vigni, Rosa Lo Cacciato, Fabio Pensavecchia, Paola Pensavecchia (classe 1992), Paola Pensavecchia (classe 1995), Alfonsa Valenti e Nadia Vitale e Pierfulvio Pecoraro.

Il Gip: "La crisi favorisce il socorso della mafia"

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento