Cronaca Via dei Candelai

Sedicenne pestato dentro un locale di via Candelai, licenza pub sospesa per 30 giorni

La violenta aggressione il 26 maggio. Il provvedimento cautelare emesso dal Questore è stato notificato al titolare del locale, già in passato chiuso per un analogo episodio di violenza per 7 giorni

Una volante della polizia in via Candelai

Dopo il pestaggio di un sedicenne nel suo locale arriva la mazzata per il gestore. Gli agenti della divisione di polizia Amministrativa e sociale hanno notificato all’esercente di via Candelai (di cui non è stato fornito il nome) il provvedimento che prevede la sospensione per 30 giorni della licenza di somministrazione degli alimenti e delle bevande. “Per tutto il periodo della sospensione il locale dovrà pertanto rimanere chiuso”, spiegano dalla Questura.

“Il provvedimento - aggiungono dalla polizia - è stato adottato dal Questore ai sensi dell’articolo100 del Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, in seguito al verificarsi all’interno dell’esercizio pubblico di un grave episodio di violenza che aveva generato grande allarme sociale, in relazione soprattutto alla giovanissima età di vittime e aggressori protagonisti della vicenda, nonché per la gravità delle lesioni riportate da uno di essi”. L'ipotesi di reato per i responsabili infatti è quella delle lesioni gravi.

I fatti si sono verificati lo scorso 26 maggio, quando un giovane è stato ricoverato al Civico in gravi condizioni di salute. In poco tempo gli investigatori hanno ricostruito parzialmente la dinamica dei fatti, accertando che l’aggressione era maturata proprio all’interno di un pub di via Candelai, dov’era scoppiata una rissa per futili motivi. Intanto proseguono le indagini della Squadra Mobile per scoprire l’identità degli aggressori. Già in passato lo stesso pub era stato chiuso per 7 giorni a causa di un episodio di violenza analogo.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sedicenne pestato dentro un locale di via Candelai, licenza pub sospesa per 30 giorni

PalermoToday è in caricamento