Cronaca

L'isola ecologica (che non c'è) allo Sperone, M5S: "Lavori ancora lontani dal via..."

I consiglieri Randazzo e Amella puntano il dito contro il sindaco e l'ordinanza emesssa a maggio. L'obiettivo dell'Amministrazione, dopo la bocciatura del progetto da parte della Regione, era fornire temporanemente un punto di riferimento contro l'abbandono di rifiuti

La discarica di via Palumbo, a Boccadifalco

Più che un’isola ecologica, sembra l’isola che non c’è. A tre mesi dall’ordinanza emessa dal sindaco Leoluca Orlando, i consiglieri del Movimento 5 Stelle Antonino Randazzo e Concetta Amella sono tornati a parlare del Centro comunale di raccolta che l’Amministrazione aveva proposto, in via temporanea, per incentivare la differenziata e fornire dei punti di riferimento per i cittadini. Per il progetto, si legge in una nota dei grillini, non sarebbe stato neanche avviato l’iter che autorizza la realizzazione del centro in un’area confiscata alla mafia in viale dei Picciotti.

Il provvedimento firmato da Orlando a maggio prevedeva un centro provvisorio sulla scorta del progetto bocciato dalla Regione e per il quale la Rap non ha visto il becco di un quattrino (dei 950 mila euro richiesti). Da allora ad oggi non è cambiato molto sulla raccolta dei rifiuti, tanto che la città da settimane affoga nell’immondizia. Fatta eccezione per il mega progetto di realizzazione di una nuova vasca nella discarica di Bellolampo la cui gara d’appalto, però, deve ancora essere aggiudicata.

"La Rap - dichiarano in una nota Randazzo e Amella - ha comunicato che per il momento sono stati nominati soltanto il responsabile unico del progetto, il progettista e il direttore dei lavori, ma dopo quasi 3 mesi è ancora in corso la redazione del progetto del centro comunale di raccolta, mentre l’azienda non è stata in grado di fornire notizie sui tempi stimati per i lavori e l’apertura al pubblico della tanta attesa prima isola ecologica cittadina". E intanto discariche come quella in fotografia, segnalata dai residenti direttamente al Sindaco, continuano a comparire "come i funghi" in tutta la città.

L'iniziativa: arriva l'isola ecologica mobile

Secondo i consiglieri del gruppo Cinquestelle, dopo verifiche negli uffici comunali, l’opera non sarebbe neanche dotata della necessaria copertura finanziaria. "Le misure urgenti e straordinarie  annunciate dal Sindaco per conseguire gli obiettivi di raccolta differenziata e contrastare il degrado e l’abbandono dei rifiuti, rischiano ancora una volta di restare parole al vento, come succede da quasi 6 anni. Non possiamo perdere ulteriore tempo", concludono i due che invocano le dimissioni di Orlando.

Alla vigilia del suo insediamento ufficiale non potevano mancare gli auguri di buon lavoro per nuovo presidente della Rap: "Auspichiamo che le dichiarazioni di queste settimane sui centri comunali di raccolta non siano in pieno stile orlandiano, ovvero chiacchiere, e che dunque dimostri immediatamente di non essere un figurante per coprire una poltrona, accelerando l’iter su viale dei Picciotti e nel parcheggio Basile dove c’è una mozione del Movimento 5 Stelle già approvata".

La promessa di Musumeci: "A dicembre la Sicilia avrà il piano rifiuti"
"A dicembre, come promesso, avremo il piano regionale dei rifiuti. Il piano stralcio varato dalla Giunta - ha promesso il governatore Nello Musumeci - è già stato votato dall'apposita commissione all'Assemblea regionale siciliana". Lo ha annunciato il governatore Nello Musumeci, incontrando i giornalisti per presentare gli strumenti di prevenzione ambientale varati dalla Regione. Accanto a Musumeci anche l'assessore al Territorio e ambiente Toto Cordaro.

 

Potrebbe interessarti: https://www.palermotoday.it/politica/regione-siciliana-musumeci-iniziative-rifiuti.html
Seguici su Facebook: https://www.facebook.com/pages/PalermoToday/115632155195201

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'isola ecologica (che non c'è) allo Sperone, M5S: "Lavori ancora lontani dal via..."

PalermoToday è in caricamento