Marineo, spento l'incendio in montagna: canadair ancora in volo per gli ultimi lanci

Le fiamme che per un'intera giornata hanno minacciato a distanza il piccolo centro abitato sono state domate. Sabato di fuoco a Ciaculli, dove le squadre del 115 e le forze dell'ordine hanno fatto evacuare oltre un centinaio di residenti

L'incendio sulla montagna di Marineo - foto Virgilio Ferrara

I canadair sorvolano ancora Marineo per effettuare gli ultimi lanci d’acqua ma dopo un’intera giornata di lavoro l’incendio è stato domato. I vigili del fuoco e i forestali, anche con il supporto di alcuni cittadini, sono riusciti a spegnere le fiamme divampate ieri mattina sulla montagna che separa Marineo da Santa Cristina Gela. Quello della provincia era l’ultimo rogo dopo quelli che hanno interessato Ciaculli, nella periferia palermitana, e nelle ore precedenti le zone di Baida, San Martino delle Scale e i comuni di Caccamo, Castronovo di Sicilia, Giardinello e Partinico.

Questa mattina Palermo si è svegliata senza la cappa di calore e il vento di scirocco che hanno caratterizzato le ultime giornate, la temperatura sembra essere notevolmente scesa. Nulla in confronto all’inferno di fuoco di ieri, soprattutto nella zona di Ciaculli, dove i vigili del fuoco e le forze dell’ordine hanno fatto evacuare oltre un centinaio di residenti che vivono nella zona delle case popolari. Nel corso dell'incendio divampato nel primo pomeriggio le fiamme sono arrivate a pochi metri dalle abitazioni, raggiungendo e bruciando anche alcuni mezzi parcheggiati lungo via Ciaculli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Due giorni fa l’Unità di crisi della Prefettura di Palermo si era riunita per coordinare le operazioni di spegnimento in tutto il territorio della provincia palermitana e fare il punto della situazione. Nelle 48 ore precedenti sono stati impegnati 200 uomini, 30 automezzi e 36 squadre dei vigili del fuoco, 6 pattuglie di personale e autobotti del Corpo forestale della Regione siciliana e tre associazioni di volontariato della Protezione civile regionale con 5 mezzi, mentre la città metropolitana ha messo a disposizione 4 autobotti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sottopassi di viale Regione chiusi, allagamenti e spiaggia "sparita": Palermo dopo una notte di maltempo

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: in Sicilia negozi chiusi la domenica e nei festivi

  • "Caricate i posti o la Sicilia diventa zona rossa": bufera per l'audio del dirigente della Regione

  • Dal nuovo Riina al nipote di Michele Greco, boss ballano la techno: spot shock di Klaus Davi

  • Tamponi nelle scuole, l'Asp rende noto il calendario: ecco gli istituti coinvolti

  • Incidente al drive in della Fiera, malore dopo il tampone: marito e moglie con auto contro il muro

Torna su
PalermoToday è in caricamento