menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La presentazione del progetto - foto Vivi Sano Onlus

La presentazione del progetto - foto Vivi Sano Onlus

Il "vivere sano" al Foro Italico, nasce il Parco della salute

Si tratta di un progetto di utilità sociale promosso da Vivi Sano Onlus, l'associazione che propone “uno stile di vita sano e la salubrità dell'ambiente come strategia preventiva e terapeutica"

Nasce a Palermo il primo “Parco della salute”. Si tratta di un progetto di utilità sociale promosso da Vivi Sano Onlus nell’area conosciuta come "Ex Palmeto", accanto al Nautoscopio che si trova sul lungomare del Foro Italico.

E’ un progetto di economia solidale che include più di quaranta enti tra amministrazioni, privato sociale, aziende sane e fondazioni. Uno spazio aggregativo, una iniziativa di utilità sociale. Vivi Sano Onlus, come si legge nel suo sito, propone “uno stile di vita sano e la salubrità dell'ambiente come strategia preventiva e terapeutica. Dalla cura del proprio benessere psicofisico alla salute sociale. Prevenire il disagio attraverso l'educazione dei giovani al rispetto dei valori. Creare le condizioni per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva”.

Il Parco della salute è dedicato a Livia Morello, scomparsa prematuramente a 18 anni per una rara malattia. All'inaugurazione dei lavori hanno preso parte, tra gli altri, il sindaco Leoluca Orlando, gli assessori Agnese Ciulla, Francesco Maria Raimondo e Giuseppe Gini, il presidente del Consiglio comunale, Totò Orlando, e ancora Salvatore Amato, presidente di Vivi Sano Onlus, Giovanna Gambino, garante regionale della persona disabile, Vincenzo Cannatella, presidente dell’Autorità portuale, e Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione "Con il Sud".

Il sindaco Orlando nel corso dell'iniziativa, ha sottolineato due aspetti fondamentali. Il primo è quello di "un'importante e necessaria collaborazione tra l'amministrazione pubblica e il privato sociale, con un notevole apporto di idee ed energie che viene dal mondo dell'associazionismo". L'altro aspetto di rilievo è quello di "un ulteriore passo per la riscoperta del mare e della costa come elementi presenti nella vita dei palermitani e come luoghi in cui vivere e socializzare".

Il Parco della salute ospiterà un'ampia area verde dove i cittadini potranno praticare attività sportive e non solo. Saranno creati, infatti, uno spazio dedicato ai bambini, dei percorsi educativi, un campo di calcio, stazioni per il fitness all’aperto. Nel progetto del parco un ruolo importante sarà svolto dalle associazioni che si occupano di disabilità e dalle collaborazioni con società scientifiche, ordini professionali, università. Lo scopo dell'iniziativa, infatti, sarà quello di aprire a tutti la fruizione dei servizi, sia ai normodotati che ai cittadini con handicap motori. Prevista, inoltre, l'istituzione di un percorso dedicato all’educazione ambientale per gli studenti, il cui progetto nascerà in sinergia con l'Assessorato al verde del Comune. Il parco disporrà infatti di un giardino botanico unico nel suo genere che riprodurrà un impianto di macchia mediterranea a due passi dal mare con scopi divulgativi ed educativi.

“Il Parco della Salute presso il Foro italico di Palermo intende rappresentare una iniziativa di natura sociale, aperta alla collettività tutta, che intende riqualificare una porzione di costa urbana attribuendole la funzione di area verde attrezzata  -sottolinea Daniele Giliberti, fondatore di Vivi Sano Onlus e ideatore del progetto -. Le finalità ultime dell’iniziativa, avviata con successo in altre città d’Italia e d’Europa, è quella della diffusione presso la collettività della cultura di stili di vita sani, di promozione dell’attività motoria e della vita attiva all’aria aperta, della tutela della salubrità dell’ambiente”.

Per il presidente del Consiglio comunale, Totò Orlando, il progetto "ha una grande valenza educativa, perché unisce l'attività ludico-motoria a quella di accrescimento della consapevolezza sui temi dell'inclusione e della sensibilità ambientale".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento