Invaso Rosamarina, quei due milioni di metri cubi d’acqua lasciati defluire

Orlando corre ai ripari: "Collaborazione con la Regione per prevenire emergenza acqua". Maria Prestigiacomo, Amap: "L'obiettivo deve essere quello di rendere efficienti tutti gli invasi sfruttando le risorse disponibili"

"Informato delle operazioni di scarico compiute in queste ore alla diga Rosamarina, dove circa due milioni di metri cubi d'acqua sono stati lasciati defluire dagli scarichi di fondo, il sindaco Leoluca Orlando ha dato mandato all'Amap di prendere contatto con la struttura regionale e, come già avvenuto per  l'acquedotto di Scillato, mettere a disposizione ogni risorsa  possibile per supportare l'attività del Commissario per l'emergenza  idrica". E' quanto si legge in una nota del Comune.

L'Amministratrice unica dell'Azienda Maria Prestigiacomo ha confermato che "da parte dell'Amap vi è il massimo impegno e la massima disponibilità a collaborare con la Regione perché è fondamentale prevenire una nuova emergenza idrica, superando la logica delle competenze e delle strettoie burocratiche. L'obiettivo comune deve  essere quello di rendere al più presto e al meglio efficienti tutti  gli invasi e tutte le reti sfruttando le risorse disponibili e dotando il nostro territorio di impianti sicuri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La lite dopo gli insulti alla moglie, sparatoria allo Zen: fermato un pregiudicato

  • Si cercano portalettere, Poste Italiane assume anche a Palermo

  • Allo Zen si torna a sparare, 48enne grave in ospedale

  • Falliscono colpo in casa e si "imbucano" a veglia funebre per evitare i carabinieri, 2 arresti

  • Detenuto suicida in carcere, indagata per omicidio colposo la direttrice del Pagliarelli

  • Centro Convenienza chiude e non consegna i mobili già pagati: "Clienti truffati"

Torna su
PalermoToday è in caricamento