Soldi in cambio di voti, 16 condannati per corruzione: ci sono anche due ex parlamentari

Si tratta del processo nato dall'inchiesta Agorà per presunti illeciti in occasione delle elezioni comunali e regionali del 2012. L'indagine ha travolto politici, procacciatori di voti e anche esponenti di cosa nostra. Otto mesi sono stati inflitti a Nino Dina e Franco Mineo

Sedici condannati, tra loro ci sono anche due ex parlamentari regionali, su 22 imputati. Si è concluso così il processo nato dall'inchiesta Agorà del 2015 che ha portato alla luce presunti episodi di corruzione per le elezioni comunali e regionali del 2012. L'indagine ha travolto politici, procacciatori di voti e anche esponenti mafiosi. 

Oggi sono stati condannati a otto mesi gli ex deputati dell'Ars Nino Dina e Franco Mineo. Prima di loro è stato giudicato colpevole anche Roberto Clemente, che ha scelto il rito abbreviato.

I giudici hanno inflitto 10 anni e 10 mesi a Giuseppe Bevilacqua, personaggio centrale dell'indagine. Bevilacqua fallì per pochi voti l'elezione al Consiglio comunale ma, secondo l'accusa, avrebbe cercato di sfruttare i consensi ottenuti nella successiva campagna elettorale per le regionali. Una vera e propria compravendita. 

Voti in cambio di denaro, i pacchetti venivano "riciclati": 150 euro per 30 preferenze

Teresa Bevilacqua (sorella di Giuseppe) ha avuto una condanna a 4 anni e mezzo; Anna Brigida Ragusa dovrà scontare 4 anni e 5 mesi; Pietra Romano, 4 anni e 3 mesi; Giusto Chiaracane 4 anni e 2 mesi; Domenico Noto, Giuseppe Genna e Salvatore Ragusa, due anni e mezzo a testa. Condannato anche il boss Natale Giuseppe Gambino a un anno e quattro mesi, l'altro imputato Giuseppe Antonio Enea, si è visto condannare a un anno. Carmelo Carramusa, Salvatore Cavallaro, Onofrio Donzelli, Nino Dina, Vincenzo Di Trapani e Francesco Mineo, hanno avuto 8 mesi a testa. Gli assolti sono Pietro Cosenza, Enzo Fantauzzo, Salvatore Machì, Ferdinando Vitale, Salvatore Zago e Agostino Melodia.

Secondo la Procura, Giuseppe Bevilacqua avrebbe utilizzato per la sua campagna elettorale per le comunali 2012 anche i generi alimentari del "Banco opere di carità" all'insaputa dei volontari. Avrebbe regalato pacchi di pasta, ma in alcuni casi avrebbe preferito rivenderli a prezzi stracciati agli stessi poveri che ne avrebbero dovuto usufruire. Il parmigiano, invece, lo teneva per sè. Secondo l'inchiesta, condotta dalla Finanza, Bevilacqua avrebbe messo a disposizione di Dina, Mineo e Clemente i suoi pacchetti di voti, alle regionali del 2012, in cambio di finanziamenti per le proprie associazioni e incarichi a familiari. 

Dalle indagini è emerso poi che non sarebbero stati gli esponenti di Cosa nostra a cercare i politici, ma l'esatto contrario. Proprio Bevilacqua avrebbe cercato i "potenti" per capire quasi garanzie avrebbero potuto offrire. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, coinvolto il cantante De Martino: morto un sessantenne

  • Coronavirus, ordinanza di Musumeci: "Un esercito di medici per contrastare il Covid"

  • Apre a Palermo l'Antica pizzeria da Michele, dopo Napoli è l'unica del Sud Italia

  • Omicidio a Camporeale, colpi di pistola in piazza: morto un ragazzo di 26 anni

  • Maestra positiva al Covid e classe d'asilo in quarantena, i genitori: "Comunicazione arrivata tardi"

  • Condannato a 5 anni il questore di Palermo: "Caso Shalabayeva, fu sequestro di persona"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento