menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto Ansa

Foto Ansa

Coronavirus, in Sicilia sbagliato anche il numero dei casi: sono 397 in meno, 3 i nuovi

Dopo la sforbiciata sul numero degli attuali positivi, passati ieri da 805 a 153, il ministero della Salute ha ricalcolato anche i casi totali che diventano 3.070. Nell'Isola i ricoverati restano 26, di cui 5 in terapia intensiva. Nessun nuovo decesso

Non solo gli attuali positivi, ma in Sicilia anche il numero totale dei contagiati era sbagliato. Sono 397 in meno rispetto a quanto comunicato fino ad ora dalla Regione. Questo si evince dall'aggiornamento di oggi (19 giugno) fornito dal ministro della Salute (tabella del Ministero della Salute in basso). Un mezzo papocchio insomma, dopo la sforbiciata sul numero degli attuali positivi passati ieri da 805 a 153, sul quale si è in attesa di spiegazioni da parte del governatore Musumeci e dall'assessore alla Salute Razza. Oggi intanto non è arrivato l'atteso bollettino della Regione.

Razza taglia corto: "Da noi polemiche anche su buone notizie"

Quindi in Sicilia sono stati segnalati in tutto 3.070 casi (e non 3.467 come comunicato dall'ultimo bollettino di mercoledì), con un calo di 397 unità. Tre i nuovi contagi da ieri (su 1.616 tamponi). Nell'Isola i ricoverati sono 26 - di cui 5 in terapia intensiva - mentre 124 si trovano in isolamento domiciliare. Gli attuali positivi sono 150. Nessun decesso nelle ultime 24 ore, con un totale fermo a 280. I guariti sono 2.640.

ricalcolo-2-2

I calcoli della Regione erano sbagliati: in Sicilia ci sono solo 153 positivi

Dalle ordinanze per il consenso ai dati sbagliati: in Sicilia i conti non tornano

Le buone notizie dalle corsie

Intanto ha riaperto gli occhi la donna bengalese di 34 anni risultata positiva al Coronavirus al rientro da Londra a Palermo (dove ha la residenza) e ricoverata da settimane all'ospedale Cervello.  Al momento dei ricovero era incinta e i medici, date le condizioni molto gravi e il coma farmacologico in cui era tenuta, la scorsa settimana hanno fatto nascere la sua bimba con un cesareo. (Vai all'articolo)

E può finalmente lasciare l'ospedale Cervello Jesus Jaime Mba Obono, il 49enne palermitano originario della Guinea Equatoriale colpito a fine aprile nel suo Paese dal Coronavirus e trasferito nel nosocomio cittadino con un volo militare all'inizio di maggio. Lunedì potrà essere dimesso e proseguirà la riabilitazione all'ICS Maugeri di Sciacca. (Vai all'articolo)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento