Coronavirus, in Sicilia 730 nuovi casi e 11 morti: frenano i ricoveri, 123 guariti

Sono 8.015 i tamponi processati (9,1% i positivi), le vittime dall'inizio della pandemia superano quota 400. Solo quattro le persone in più in ospedale rispetto a ieri, stabili le terapie intensive. In Italia oltre 19 mila contagi

Foto Ansa

Restano costanti rispetto a ieri i nuovi contagi Coronavirus in Sicilia: secondo il bollettino del ministero della Salute sono 730 i nuovi casi sull'Isola su 8.015 tamponi processati (9,1 la percentuale di test positivi). A livello nazionale invece la situazione appare fuori controllo con oltre 19 mila nuovi casi. 

Restando in Sicilia, si registrano altri 11 decessi che portano il totale delle vittime dall'inizio della pandemia a 408. Come avviene ormai da diversi giorni la Regione non fornisce più informazioni sulle persone decedute, limitandosi (a volte) a dare solamente la provincia in cui avviene il decesso.

La buona notizia è che rallentano i ricoveri: sono solo quattro in più rispetto a ieri (sono 593 i pazienti in ospedale con sintomi), quando invece negli ultimi giorni l'aumento era di 20/30 unità ogni 24 ore. A questi vanno sommate le terapie intensive (89), stabili rispetto a ieri. Ci sono pure 123 guariti (5.772 il totale). Gli attuali positivi sull'Isola sono dunque 9.136, di questi 8.454 sono in isolamento domiciliare senza sintomi o con sintomi lievi. 

Passiamo al dettaglio sulle province. Quella di Palermo resta la più colpita con 204 nuovi casi. Poi c'è Catania (188), Messina (74), Trapani (77), Ragusa (117), Siracusa (11), Enna (7), Caltanissetta (26) e Agrigento (26).

L'ipotesi "lockdown morbido"

"Il governo regionale - si legge in una nota - ha preso atto delle proposte avanzate dal Comitato tecnico scientifico siciliano per limitare il contagio del Coronavirus nell'Isola. Nel pomeriggio è prevista un'interlocuzione con il ministro della Salute per valutare, congiuntamente e nello spirito di leale collaborazione, alcune delle proposte da adottare nel territorio siciliano. Alla luce anche dei rapporti sull'andamento epidemiologico redatti dagli esperti, il presidente della Regione Nello Musumeci emanerà nelle prossime ore una propria ordinanza che avrà come filo conduttore la 'linea della fermezza e del rigore' seppure con chiusure parziali, allo scopo di anticipare e contenere il diffondersi del contagio nel territorio siciliano".

La situazione nel resto d'Italia

Oggi si registrano 19.143 nuovi casi mentre in terapia intensiva sono ricoverate 1.049 persone, 57 in più rispetto a ieri. Nei reparti degli ospedali si trovano 855 persone in più rispetto a ieri. Oggi si registrano purtroppo anche 91 decessi. Rispetto ad un mese fa si assiste ad una variazione di nuovi casi pari al +286% mentre il tasso di positività sale al 14.7% dal 2.9%.“

Coronavirus, il bollettino di oggi venerdì 23 ottobre

Nuovi casi: 19.143 (ieri 16.079)
Casi testati: 114.499 (ieri 104.872)
Tamponi (diagnostici e di controllo): 182.032 (ieri 170.392)
Attualmente positivi: 186.002 (ieri 169.302)
Deceduti: 37.059, + 91 (ieri + 136)
Ricoverati: 10.549, + 855 (ieri + 637)
Ricoverati in Terapia Intensiva: 1.049, +57 (ieri + 66)
Totale casi positivi: 484.869
Dimessi/Guariti: 261.808, + 2352

Bollettino 23 ottobre-2


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a scuola, morta bambina di 10 anni dopo una caduta durante l’ora di educazione fisica

  • Coronavirus, nuova ordinanza: Sicilia diventa zona gialla

  • Sicilia in zona gialla: cosa si può fare e cosa no dal 29 novembre

  • L'esito dell'autopsia sul corpo della piccola Marta: "E' stata stroncata da un malore"

  • Covid, Musumeci firma nuova ordinanza: bar e ristoranti aperti dalle 5 alle 18, ok ai negozi nei festivi

  • Scambio di morti per Covid all'obitorio del Civico, famiglia seppellisce la salma di un altro

Torna su
PalermoToday è in caricamento