Centro storico passato al setaccio, nove denunce per furto di energia

Controlli della polizia e tecnici dell’Enel per individuare appartamenti e attività commerciali che si collegano abusivamente alla rete elettrica. Le verifiche hanno riguardato via Beati Paoli, discesa dell'Eternità, cortile Mangano e piazzetta San Paolino

Via Beati Paoli

Ancora controlli delle forze dell'ordine e ancora allacciamenti abusivi scoperti a Palermo. La polizia insieme ai tecnici dell’Enel hanno passato al setaccio la città alla ricerca di privati e attività commerciali che si collegano abusivamente alla rete elettrica.

Le verifiche hanno riguardato il centro storico cittadino e in particolare appartamenti e locali adibiti ad uso commerciale in via Beati Paoli, discesa dell'Eternità, cortile Mangano e piazzetta San Paolino. In via Beati Paoli sono stati trovati quattro allacci abusivi. In discesa dell'Eternità sono stati controllati due appartamenti e una bottega: tre i casi di furto. Situazione analoga in cortile Mangano: controllati 8 appartamenti, 2 gli allacci abusivi. In piazzetta San Paolino sono stati controllati 3 appartamenti in cui non sono state rilevate anomalie.

Dalla Questura fanno sapere che nei prossimi giorni effettuerà ulteriori servizi di controllo degli allacci alla rete elettrica continuando l’attività di repressione del reato di furto di energia elettrica. Reato che nell’anno in corso ha portato all’arresto di 23 persone e alla denuncia di 407.  

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a San Lorenzo, donna accusa malore e muore fuori da un locale

  • Era scomparso giovedì, 40enne ritrovato in centro: "Ha già abbracciato le sue bimbe"

  • Papà di tre bimbe sparisce nel nulla, ore di angoscia per i familiari di Alfonso Bagnasco

  • Produce documenti falsi per percepire il reddito di cittadinanza: denunciato

  • Il duplice omicidio allo Zen, veglia notturna non autorizzata ai Rotoli: familiari allontanati

  • Incidente sulla Palermo-Mazara, tir sbanda e il conducente viene sbalzato sull'asfalto: è grave

Torna su
PalermoToday è in caricamento