Coime, ecco il comitato aziendale di controllo anti Covid: "Messi in sicurezza 600 lavoratori"

E' stato costituito nel corso di un incontro tra i sindacati, l'amministrazione comunale e i vertici dell'azienda. I dipendenti adesso potranno al lavoro

Operai Coime al lavoro

“Un impegno comune per garantire salute e sicurezza dei lavoratori Coime. Adesso chiediamo che i lavoratori rientrino al lavoro”. E' quanto hanno chiesto Feneal Uil,  Filca Cisl e Fillea Cgil Palermo, a un incontro con l'amministrazione comunale e con i vertici del Coime, durante il quale è stato costituito il Comitato aziendale in materia di prevenzione Covid19.

“Esprimiamo soddisfazione per l'esito dell'incontro – dichiarano i  segretari generali di Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil Pasquale De Vardo Francesco Danese e Piero Ceraulo -  La costituzione del comitato aziendale rappresenta una misura che, oltre a essere prevista dalle vigenti norme nazionali, è un elemento indispensabile e fondamentale per garantire la sicurezza sanitaria della totalità dei quasi 600 lavoratori del Coime, che adesso possono tornare al lavoro. Grazie all’azione sindacale unitaria portata avanti in queste settimane da Feneal Uil, Filca Cisl e Fillea Cgil, il sindacato è riuscito a mettere in piedi uno strumento di prevenzione e verifica molto importante, in termini di misure anti Covid19. Non è stato semplice portare a casa questo risultato considerato che per ben tre volte, in incontri col Comune, abbiamo segnalato anomalie  nella distribuzione dei Dpi e delle misure di contenimento anti Covid.  Ma in questa vertenza non potevamo accontentarci di mezze misure o parziali risultati,  perché con la pelle dei lavoratori non si gioca”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il comitato verifica e controllo è costituito dal datore di lavoro, il Comune di Palermo, dal medico competente, dal rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e prevenzione territoriale (rlst). “Al prossimo incontro, tra una decina di giorni, parteciperà anche l'Asp di Palermo, che noi sindacati chiediamo venga inserita all'interno del comitato - continuano i segretari generali De Vardo, Danese e Ceraulo – Il lavoro è, nel suo valore più profondo, simbolo di vita. Non è solo un fattore economico, una merce di scambio.  Col lavoro l’essere umano realizza una parte di sé e attraverso il lavoro può progettare e costruire il proprio futuro. Grazie al lavoro si garantisce dignità per se stessi  e per la propria famiglia e questo deve avvenire nel pieno rispetto della sicurezza e dell’ambiente. Ovviamente non abbasseremo la guardia: il risultato raggiunto è solo l’inizio, certamente un buon inizio, che conferma ancora una volta che il sindacato c’è, è utile ed è sempre al fianco dei lavoratori”. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Pizzaiolo positivo al Coronavirus, chiuso lo storico panificio Graziano

  • Virus, verso una nuova ordinanza: mascherine obbligatorie all'aperto e stretta sulla movida

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento