menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Candelai, notte da incubo per 5 ragazzi: picchiati con mazze e bottiglie

Le vittime hanno allertato i carabinieri che hanno individuato i presunti aggressori in piazza Sant'Onofrio. Per uno di loro, trovato con droga e quasi 2 mila euro in contanti, è scattato l'arresto. Gli altri tre sono stati denunciati

Hanno accerchiato e poi picchiato cinque ragazzi con mazze di legno e bottiglie di birra. Senza nessun motivo. Poi fuggono ma vengono individuati e bloccati dai carabinieri. A finire in manette un giovane di 27 anni, Marco Terenna (nella foto in basso), mentre per altri 3 è scattata la denuncia a piede libero.

I fatti si sono svolti nella notte tra domenica e lunedì. Intorno alle 3,15 è arrivata una telefonata al 112 per segnalare l’aggressione. Secondo il racconto delle vittime ai militari, tutto sarebbe iniziato in via Candelai e proseguito in piazza Sant’Onofrio. Ancora sanguinanti, i cinque hanno riferito di essere stati aggrediti da un gruppo di coetanei che li avrebbero picchiati con mazze di legno, caschi da motociclista e bottiglie di birra. Poi gli aggressori sarebbero fuggiti a bordo di una Fiat 500 bianca. I malcapitati sono stati soccorsi dal personale del 118 e medicati al pronto soccorso dell'ospedale Ingrassia.

Nel frattempo una "gazzella" del nucleo Radiomobile ha intercettato l'auto con a bordo i quattro ragazzi che corrispondevano alla descrizione fisica fornita dalle vittime del pestaggio. Il conducente della 500, sottoposto a controllo, è stato trovato in possesso di 1.855 euro in banconote di vario taglio. E' scattata quindi la perquisizione in casa, dove sono stati rinvenuti e sequestrati 75 grammi di marijuana e materiale vario per il confezionamento.

Le vittime - giunte in caserma - hanno riconosciuto i quattro fermati dai carabinieri quali autori dell’aggressione e hanno sporto formale denuncia. L’Autorità Giudiziaria ha disposto l'arresto per Terrana, che è stato portato al Pagliarelli. Poi per tutti e quattro è scattato il deferimento in stato di libertà per lesioni personali in concorso.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento