Domenica, 1 Agosto 2021
Sport

Palermo, viaggio nel sentiero dei playoff: sei squadre per un posto in paradiso

I rosanero - a meno di risultati clamorosi - venerdì saluteranno la promozione diretta. Tra dieci giorni iniziano gli spareggi: ecco la guida completa. Vincere a Salerno, per Stellone, a questo punto è fondamentale

Stellone in panchina al Barbera

A Salerno per vincere sperando finché la matematica lo permetterà, in un sogno utopico in cui sia Frosinone che Parma dovrebbero rispettivamente cadere contro Foggia e Spezia. Tutto questo a 90 minuti dal termine della regolar season. Insomma, per il Palermo è tempo di iniziare seriamente a pensare ai playoff, un mini torneo che almeno sul campo azzererà tutto quello visto in stagione finora. Ed ecco quindi perché quella contro la Salernitana per il Palermo sarà comunque una partita importante, e in un certo senso anche decisiva. Preservare il quarto posto dall’offensiva del Venezia e sperare di prendere punti al Parma per chiudere così il campionato al terzo posto in classifica. Un piazzamento che potrebbe anche voler dire Serie A più vicina.

Fasi iniziali

Fondamentale in chiave playoff infatti sarà proprio il fatto di difendere il quarto posto dal Venezia, in questo momento a meno due dai rosa, perché permetterebbe al Palermo di evitare la prima, ma già turbolenta e imprevedibile fase iniziale, in cui sesta e settima e quinta e ottava si sfidano in un unico match che, in caso di parità, verrebbe deciso ai tempi supplementari, ma non ai rigori. In caso di ulteriore parità al termine dei 120 minuti infatti ad andare avanti sarebbe la squadra con il miglior piazzamento nella regular season. Venezia, Bari, Cittadella e Perugia: sono queste le squadre che in questo momento si contenderebbero l’accesso alle semifinali contro Parma e Palermo. Se il campionato dovesse finire così allora il Palermo sarebbe chiamato a giocare contro la vincente di Venezia-Perugia.

Semifinali

Da qui in poi inizierebbe anche il cammino del Parma e del Palermo (al momento terzo e quarto in classifica): vale a dire le semifinali.  Già, e qui arriva il bello, perché il fatto di chiudere il campionato al quarto posto in classifica potrebbe, da un lato scongiurare l’ipotesi delle fasi iniziali, ma dall’altro invece potrebbe pesare parecchio: questo perché se il Palermo dovesse incontrare il Parma in finale, i ducali giocherebbero l’ultimo match dei playoff davanti ai propri tifosi avendo chiuso il campionato al terzo posto in classifica. Ma anche la possibilità di giocare in semifinale contro la vincente del match fra la sesta e la settima, evitando così la quinta in classifica. In caso di parità al termine dei 180 minuti di queste semifinali, si terrebbe conto della differenza reti nelle due partite, e in caso di stessa differenza reti, a qualificarsi per la finale sarebbe ancora una volta la squadra meglio posizionata in classifica. Non ci saranno dunque tempi supplementari. Dunque se il Palermo dovesse giocare contro il Venezia, a parità di punteggio e di differenza reti, a qualificarsi per la finale sarebbero i rosanero in virtù del quarto posto in classifica.

Finale

Così come per le semifinali però anche in finale a fare la differenza potrebbe essere il piazzamento in classifica. Perché significherebbe giocare il match di ritorno – dunque quello più decisivo – ancora una volta davanti ai propri tifosi. Un fattore per nulla di poco conto. Previsti due match anche per la finale, andata e ritorno: in caso di parità al termine dei 180 minuti si terrebbe conto della differenza reti nelle due partite e in caso di ulteriore parità invece ad avere la meglio sarebbe la squadra meglio posizionata in classifica al termine del campionato. Ma se il Palermo venerdì sera dovesse pareggiare e il Parma perdere a La Spezia, e quindi chiudere il campionato con gli stessi punti in classifica, allora la gara di ritorno prevederebbe anche i tempi supplementari ed eventualmente i calci di rigore. Un occhio al terzo posto, l’altro al quarto: con la testa però al secondo gradino del podio, che vorrebbe poter dire promozione diretta. Tutto può ancora succedere, quando molto sembra già essere stato deciso.

Calendario playoff: 

Turno preliminare (gara unica):

Sabato 26 maggio 2018 – ore 18 (6a vs 7a)
Domenica 27 maggio 2018 – ore 20,30 (5a vs 8a)

Semifinali (andata e ritorno):

Martedì 29 maggio 2018 – ore 20,30 (6a o 7a vs 3a)
Mercoledì 30 maggio 2018 – ore 20,30 (5a o 8a vs 4a)
Sabato 2 giugno 2018 – 20,30 (3a vs 6a o 7a)
Domenica 3 giugno 2018 – ore 20,30 (4a vs 5a o 8a)

Finale (andata e ritorno):
Giovedì 7 giugno 2018 – ore 20,30
Domenica 10 giugno 2018 – ore 20,30

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palermo, viaggio nel sentiero dei playoff: sei squadre per un posto in paradiso

PalermoToday è in caricamento