Regione, professioni sanitarie e infermieristiche: tavolo tecnico permanente in assessorato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Svolta importante per i lavoratori della sanità dell'isola. La Regione siciliana ha riconosciuto formalmente il ruolo e le competenze delle professioni sanitarie, infermieristiche, ostetriche e delle aree tecnico- diagnostica, tecnico-assistenziale, della riabilitazione e della prevenzione. Lo rende noto il coordinamento regionale Ipasvi della Sicilia, che da anni chiede questo riconoscimento. “All’assessorato regionale alla Salute - afferma Franco Gargano, presidente del Collegio Ipasvi di Palermo - si insedierà un tavolo tecnico permanente che sarà costituito da dirigenti regionali dei servizi specifici e da rappresentanti dei coordinamenti dei collegi degli Infermieri”. Alla Regione il coordinamento regionale Ipasvi ha presentato un documento sulle principali criticità del sistema sanitario dell’isola. “Le dotazioni organiche -continua Gargano - sono insufficienti con gravi danni per l’utenza e il piano di rimodulazione della rete ospedaliera non è ancora partito. A oggi la sanità siciliana funziona grazie al senso del dovere degli operatori, in particolar modo degli infermieri, in prima linea nei rapporti con i pazienti”. Secondo il presidente del Collegio Ipasvi di Palermo, “occorre che si proceda alla nomina del dirigente dell’unità operativa professionale infermieristica, che si istituisca la figura dell’infermiere di famiglia - comunità, per rendere operativa concretamente l’assistenza sanitaria sul territorio”.  “Il riconoscimento del ruolo di questi lavoratori - afferma Gargano - è il primo passo per ridisegnare la sanità in Sicilia, rendendola funzionale alle esigenze dei cittadini”.

Torna su
PalermoToday è in caricamento