Tumore ai polmoni, nuovo strumento per la diagnosi: "Maddalena prima struttura in Italia"

Ecco il broncoscopio ultrasottile: si tratta di un dispositivo che, lavorando in sinergia con le sonde miniaturizzate, è in grado di scandagliare i bronchi fino alle ramificazioni più sottili

Diagnostica sempre più all'avanguardia all'ospedale La Maddalena di Palermo. Un broncoscopio ultrasottile di ultima generazione è entrato a far parte delle apparecchiature sanitarie usate nel dipartimento oncologico, prima struttura in Italia a dotarsi di questo nuovo strumento diagnostico. Si tratta di un dispositivo che, lavorando in sinergia con le sonde ecografiche miniaturizzate e con i sistemi di navigazione, è in grado di scandagliare i bronchi fino alle ramificazioni più sottili, difficili da raggiungere con altri dispositivi.

Il nuovo broncoscopio si rivela utile nella diagnosi avanzata del tumore al polmone e si va ad integrare con le tecniche chirurgiche mininvasive introdotte già da qualche anno nel dipartimento oncologico palermitano. Oggi nell’80 per cento dei casi, i pazienti vengono operati al polmone con chirurgia toracoscopica, ovvero attraverso metodologie mininvasive. Ciò consente di ridurre l'impatto chirurgico per il paziente, favorendo un più veloce recupero post operatorio e riducendo la percentuale di complicanze. “Si tratta di una percentuale importante – spiega il chirurgo toracico Roberto Marchese (nella foto in basso) – in linea con i più alti standard internazionali. Noi, infatti, utilizziamo tecniche mininvasive nella quasi totalità dei pazienti, anche nel caso d’interventi più complessi, con una degenza media post-operatoria di quattro giorni circa”.

Dunque, la diagnostica di nuova generazione si affianca ad una terapia chirurgica avanzata. “Inoltre – prosegue il chirurgo – ci doteremo a breve di una sonda che ci consentirà di fare contestualmente diagnosi e terapia, bruciando il tumore nello stesso momento in cui lo osserviamo. Questo, però, nel caso di pazienti non operabili attraverso le altre metodiche”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Presente dal 2009, l’Unità operativa di Chirurgia Toracica e Pneumologia interventistica, si è distinta fin da subito nel trattamento mininvasivo delle patologie tracheo-bronchiali. Tra le poche realtà in Italia che effettuano interventi di posizionamento di protesi endobronchiali, è diventata in pochi anni punto di riferimento a livello nazionale. Il personale altamente qualificato offre ai propri pazienti uno standard di cure in linea con i criteri condivisi dalla comunità scientifica internazionale, avvalendosi di tecnologie diagnostico-terapeutiche all’avanguardia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: scatta il coprifuoco dalle 23

  • Ordinanza di Orlando, divieti non solo in centro: "Ecco le strade dove non ci si potrà fermare"

  • Conte firma il nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata l'ordinanza di Musumeci

  • Regione, nuova stretta anti Covid: locali chiusi alle 23, dad nei licei e trasporti dimezzati

  • Piazza di Mondello, chiuso ristorante: "Bagno senza sapone e lavoratori in nero"

  • Le mosse anti Covid di Orlando: nessun coprifuoco ma divieto di sostare in strada

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento