Giovedì, 21 Ottobre 2021
Cronaca

Scontro fra consiglieri su Amat: "Il Comune mette a rischio stipendi e azienda", "Perché avete votato i tagli?"

Botta e risposta fra Sicilia Futura-Iv e Sinistra Comune dopo il congelamento di una fattura da 3,7 milioni deciso dalla ragioneria. "Amministrazione incapace, no al disfacimento della partecipata". La replica: "Cimino firmi la riduzione del 10% votata in Aula pure dai renziani"

Fuori da Palazzo delle Aquile, giovedì, i sindacati di Amat terranno un sit-in per rivendicare il pagamento degli stipendi ai lavoratori, a rischio dopo che la ragioneria comunale Comune ha bloccato una fattura da 3,7 milioni. Dentro, e cioè in Consiglio, è scontro fra due forze politiche: da un lato Sicilia Futura-Iv, già da tempo fuori dalla maggioranza, e dall'altro Sinistra Comune, uno dei pochi gruppi che ancora sostiene l'amministrazione Orlando. Argomento della contesa è la mancata sottoscrizione da pare dei vertici dell'ex municipalizzaa della rimodulazione del contratto di servizio. 

“Il preannunciato taglio del 10% del contratto di servizio dell'Amat - dichiarano i consiglieri comunali di Sicilia Futura, Inzerillo, Meli e Zacco - mortifica l'intera azienda del trasporto pubblico urbano cittadino, oltre a mettere a repentaglio il futuro dei lavoratori e pregiudica i servizi essenziali per l'intera cittadinanza. Siamo profondamente turbati per il futuro di Amat: non è più tollerabile assistere inermi al disfacimento della partecipata da parte di una amministrazione incapace che, piuttosto di pianificare un piano di rilancio aziendale, adotta un incauto taglio al contratto di servizio che graverà sul già precario sistema della mobilità pubblica cittadina. Chiederemo la convocazione urgente del Consiglio comunale con la presenza del sindaco, affinché si faccia chiarezza e si scongiuri un ulteriore atto scellerato nei riguardi di una delle maggiori aziende partecipate del comune".

Sinistra Comune replica con il capogruppo Barbara Evola: "Non servono sedute di Consiglio comunale per sbloccare i pagamenti ad Amat e garantire gli stipendi dei lavoratori. Occorre che il presidente Cimino firmi l’addendum al contratto di servizio, come hanno già fatto i presidenti delle altre aziende partecipate. Insostenibile l’ipocrisia di Sicilia Futura che paventa il fallimento dell’azienda dei trasporti ma in Aula ha sempre votato i tagli ad Amat, da quello per il servizio delle navette alla riduzione del 10% dell’intero contratto di servizio, con il bilancio di previsione del 2020. Sarebbe ora di fare pace con se stessi e con le proprie scelte politiche".

I consiglieri comunali di Sicilia Futura, Giovanni Inzerillo, Caterina Meli e Ottavio Zacco, ribattono: "Piuttosto che fare pace con noi stessi come ci chiede la portavoce del gruppo più rappresentativo che sostiene l'amministrazione Orlando, dovremmo altresì rassegnarci a convivere con persone che non mantengono gli impegni assunti, attribuendosi il titolo di salvatori dei servizi pubblici ma che in realtà mortificano le aziende ex municipalizzate. Ed è questo il motivo reale per cui siamo seriamente preoccupati per il futuro dell'Amat e dei lavoratori. Vero è  che abbiamo votato il taglio di 1,8 milioni previsti nel bilancio di previsione 2020/2022, ma contestualmente abbiamo preteso dal Sindaco che si assumesse l'impegno di mettere fine alla ridicola querelle sul pagamento della Tosap relativa agli stalli gestiti da Amat, diatriba che equivale a ben 80 milioni e per la quale si era già espressa favorevolmente in favore di Amat la commissione tributaria regionale, di conseguenza il Contratto di Servizio di Amat va modificato integralmente e non soltanto per la parte inerente il taglio del dieci per cento, pretendendo di fatto che Amat continui a svolgere servizi in perdita come le zone blu ed allo stesso tempo subire l'imposizione fiscale insostenibile su Tosap e tarsu. Auspichiamo che l'autorevole collega, in seguito alle innumerevoli sedute convocate in commissione bilancio abbia trovato una valida soluzione, così da evitare che si chiedano ulteriori sacrifici ad Amat. Noi di Sicilia Futura abbiamo avuto fiducia in questa amministrazione, cercando di dare il nostro contributo nel tentativo di trovare soluzioni concrete e definitive e non continuando a nascondere la polvere sotto i tappeti".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontro fra consiglieri su Amat: "Il Comune mette a rischio stipendi e azienda", "Perché avete votato i tagli?"

PalermoToday è in caricamento