Venerdì, 17 Settembre 2021
Cronaca Petralia Soprana

Strada che collega Resuttano con Petralia Sottana, consegnati i lavori

Gli interventi riguarderanno il ponte in prossimità del torrente Guardiola. Alla consegna era presente anche il sindaco della città metropolitana Leoluca Orlando

Sono stati consegnati oggi i lavori stradali riguardanti la Ex Consortile 22 di Serra Monaco, strada che collega Resuttano con Petralia Sottana. La strada ha inizio in località Serra del Monaco, al bivio con la Strada Provinciale 50 della provincia di Caltanissetta e perviene sulla Sp 19 che collega Resuttano con Alimena, in prossimità dello svincolo autostradale di Resuttano sulla A/19. Ha uno sviluppo complessivo di 5,450 chilometri e ricade nel territorio di Petralia Sottana.

I lavori riguarderanno il ponte in prossimità del torrente Guardiola, ed in particolare l'adeguamento strutturale delle spalle in muratura e dell'impalcato, nonché le opere di sovrastruttura stradale.  Il ponte è chiuso al transito ed attualmente si utilizza una bretella provvisoria in sostituzione. L'ammontare dei lavori è di 560 mila euro.

Alla consegna erano presenti, oltre al sindaco della città metropolitana Leoluca Orlando e al capoarea Viabilità Salvatore Pampalone, il vicesindaco di Petralia Sottana, Santi Inguaggiato, il sindaco di Resuttano, Rosario Carezza e i rappresentanti di prestigiose aziende agricole locali.

Così Orlando: “L’attività del personale e dei tecnici della città metropolitana ha confermato di essere regolare e produttiva anche in questo periodo emergenziale, per questo a tutti va il mio apprezzamento. L'Ente, in sinergia con le singole amministrazioni comunali conferma attraverso la consegna di questi lavori la ripresa del protagonismo della Città Metropolitana, che in questo caso specifico evidenzia l'attenzione alla mobilità di visitatori e operatori del settore agricolo e di quello turistico".

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Strada che collega Resuttano con Petralia Sottana, consegnati i lavori

PalermoToday è in caricamento