Cronaca

Spari a Partinico, morto un falegname: fermato e interrogato un sospettato

Cinque i colpi che avrebbero raggiunto e ferito l'obiettivo, un 46enne portato d'urgenza al Civico ma per il quale non c'è stato nulla da fare. L'intervento della polizia in zona Mirto ha consentito di bloccare e portare in commissariato un uomo

Rilievi della Scientifica su un'auto coinvolta nella sparatoria - foto PartinicoLive

Sparatoria a Partinico, morto un falegname. Sarebbero cinque i colpi di pistola esplosi questa mattina in zona Mirto che hanno raggiunto Nicola Bifara, 46 anni. Sul posto sono intervenute alcune pattuglie di polizia e un'ambulanza del 118 che ha portato l'uomo all'ospedale Civico di Partinico. Per lui però non c'è stato nulla da fare.

Il tempestivo intervento degli agenti del commissariato ha consentito di fermare un uomo, sospettato di aver esploso i colpi di arma da fuoco all'indirizzo del falegname. I proiettili sarebbero stati sparati in movimento da un'auto e lo avrebbero raggiunto all'altezza del torace provocandogli ferite rivelatesi fatali.

"Appena arrivato in ospedale - spiegano dal Civico - le sue condizioni sono apparse subito gravi, tanto che i medici non sono riusciti a far nulla per salvarlo". Adesso toccherà alla polizia ricostruire l'accaduto e chiarire se sia stato o meno l'uomo fermato a sparare a Bifara. Spetterà inoltre agli investigatori scoprire il movente dell'omicidio, partendo dalla dinamica di quello che sembra essere stato un agguato.

Dopo le prime indagini la polizia avrebbe esclusa la pista mafiosa, puntando più sul movente personale o passionale. Pare che la vittima (foto allegata), al momento della sparatoria, si trovasse in compagnia di un'altra persona che avrebbe dunque riferito qualche dettaglio utile agli investigatori. Al lavoro anche la polizia scientifica.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spari a Partinico, morto un falegname: fermato e interrogato un sospettato

PalermoToday è in caricamento