menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Indennità per i comunali, assolti Orlando ed ex assessori: "Non ci fu danno erariale"

Non dovranno versare 12.500 euro ciascuno. Così hanno deciso i giudici della Corte dei Conti presieduti da Giuseppe Aloisio ribaltando la sentenza di primo grado. Al centro della vicenda un indennizzo per l'utilizzo del videoterminale

Il sindaco Leoluca Orlando e gli ex componenti della giunta, accusati di danno erariale, sono stati assolti. Non dovranno sborsare poco più di 12 mila e 500 euro ciascuno. Così hanno deciso i giudici della Corte dei Conti presieduti da Giuseppe Aloisio. In primo grado era arrivata la condanna perché, sosteneva il collegio, l'indennità per l’uso dei computer non andava riconosciuta ai dipendenti comunali. Ma in secondo grado la sentenza è stata ribaltata.

“Ancora prima della pronuncia di condanna, l’amministrazione - si legge nella sentenza della sezione di appello - aveva provveduto a recuperare una somma ben maggiore di quella contestata e, ancor di più, rispetto a quella comminata”. L’azione della Procura contabile era stata correttamente avviata, ma “il recupero dell’ipotizzato danno erariale” ha messo un punto alla vicenda. 

Dunque sono stati assolti Leoluca Orlando, l’ex vice sindaco Cesare Lapiana, gli assessori Francesco Giambrone, Giuseppe Barbera, Agata Bazzi, i membri del collegio dei revisori Antonino Maraventano, Fulvio Coticchio e Francesco Vetrano. Si era già definita la posizione, con un pagamento di circa 6 mila euro ciascuno, di Sergio Pollicita, dirigente dell'ufficio sviluppo organizzativo del Comune, l'assessore Giusto Catania, gli ex componenti della giunta Agnese Ciulla e Barbara Evola e il segretario generale Fabrizio Dall'Acqua.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

PalermoToday è in caricamento