Domenica, 13 Giugno 2021
Cronaca

Giardinello, confermato lo scioglimento per mafia: il Consiglio di Stato ribalta la decisione del Tar

I giudici hanno accolto il ricorso della presidenza della Repubblica, della presidenza del Consiglio, del ministero dell'Interno e dalla prefettura di Palermo, contro la decisione del Tribunale amministrativo, che aveva reintegrato sindaco e Giunta

Il municipio di Giardinello - Foto archivio

La terza sezione del Consiglio di Stato ribalta la decisione del Tar del Lazio e conferma lo scioglimento del comune di Giardinello per infiltrazioni mafiose. Il Comune era stato sciolto all'inizio dell'anno, ma a marzo i giudici amministrativi avevano reintegrato sindaco e Giunta. I giudici del Tar avevano argomentato che "i denunciati contatti con la criminalità organizzata hanno riguardato in primo luogo non l'amministrazione oggetto del provvedimento impugnato e la relativa maggioranza consiliare, bensì ambiti politici vicini a precedenti gruppi politici oggi di minoranza".

I giudici adesso hanno accolto il ricorso presentato dalla presidenza della Repubblica, dalla presidenza del Consiglio dei ministri, dal ministero dell'Interno e dalla prefettura di Palermo, risultando evidente "il condizionamento della vita amministrativa locale".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giardinello, confermato lo scioglimento per mafia: il Consiglio di Stato ribalta la decisione del Tar

PalermoToday è in caricamento