rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Cronaca

Nuova tegola sul traffico palermitano, scavi Amap in oltre 300 strade del centro

Coinvolte numerose vie cruciali per la circolazione in città da via Libertà a corso Calatafimi. Si opererà su mezza carreggiata per volta. L'azienda: "Interventi al via entro 15-20 giorni, la prima fase durerà quattro mesi". Poi inizieranno la seconda e la terza

Una nuova incognita entro un mese si aggiungerà al rebus traffico davanti al quale si trovano quotidianamente gli automobilisti palermitani. Sono pronti a partire infatti scavi in un'ampia fetta del centro città per lavori di manutenzione straordinaria dell'Amap nella sottorete 4 Politeama. A stabilirlo è un'ordinanza del Comune firmata dal capo area della Mobilità Sergio Maneri. Saranno coinvolte in tre distinte fasi oltre 300 diverse strade tra cui anche via Libertà, via Ruggero Settimo, via Mariano Stabile, corso Finocchiaro Aprile, corso Calatafimi e tantissimi altri snodi cruciali della circolazione veicolare (nella gallery sotto l'elenco completo delle vie).

Scavi Amap in oltre 300 strade, l'elenco delle vie coinvolte

Quando partiranno e quanto dureranno i lavori

Gli interventi dovranno iniziare non oltre 30 giorni dall'emissione dell'ordinanza datata 17 febbraio 2023. Lo stesso provvedimento del Comune avrà validità per un anno dal via alle opere. In altre parole, le maestranze dell'acquedotto sono attese per strada entro la fine di marzo. Dall'Amap fanno sapere che "i lavori riguardanti la fase 1 saranno avviati entro 15-20 giorni e dureranno un massimo di quattro mesi. In continuità, al termine della fase 1, si avvierà la fase 2".

Come saranno eseguiti gli scavi

L'ordinanza prevede che l'Amap dovrà eseguire i lavori "impegnando metà carreggiata per volta e in due periodi distinti e separati al fine di garantire sempre la circolazione stradale". Previsti anche l'istituzione del divieto di sosta, ambo i lati, nei tratti coinvolti, con rimozione coatta h24; il divieto di transito pedonale nei marciapiedi; la contestuale creazione in corrispondenza del perimetro del cantiere di un percorso pedonale protetto.

Gli interventi, recita ancora l'atto amministrativo, "potranno essere eseguiti anche nelle ore notturne, nei giorni festivi e prefestivi riducendo per quanto possibile il nocumento arrecato alla quiete pubblica e comunque, di notte, dovranno collocarsi oltre alle relative transenne le opportune segnalazioni luminose regolamentari inerenti la zona interessata dai lavori e tutti gli ostacoli al libero transito".

Si stabilisce inoltre che i lavori "dovranno essere eseguiti in tre fasi distinte e pertanto non si potrà avviare la fase successiva senza aver terminato la fase precedente". E infine che "l'Amap dovrà attenersi scrupolosamente alle indicazioni fornite dal rup Marco Ciralli nel verbale di interferenze" con le opere per le nuove linee del tram. Ovvero si dovranno evitare sovrapposizioni tra gli scavi dell'azienda partecipata e i rilievi per la realizzazione delle future tratte della rete tranviaria.

Cosa succede alle linee dei bus

La manutenzione straordinaria della sottorete idrica potrebbe avere ripercussioni anche sugli itinerari dei bus. L'Amap, prima di far partire le opere, dovrà inviare la comunicazione oltre che al Comune e alla polizia municipale, anche all'Amat "perché - si legge ancora nell'ordinanza - provveda a modificare, ove necessario, i percorsi delle linee di trasporto pubblico".

A cosa servono i lavori

"I lavori - riferisce l'Amap - hanno l’obiettivo di ridurre le perdite delle reti interessate, con un finanziamento europeo di oltre 7,5 milioni di euro che porterà un beneficio a tutta l'utenza. L’area è infatti quella della città in cui si verificano più spesso perdite dovute alla vetustà delle reti e ogni volta che è necessario intervenire per riparare le perdite (con cadenza quasi quotidiana in diverse aree) è ovvio che si arrecano disagi alla circolazione stradale".

Secondo l'azienda "con questo progetto non solo si porrà fine a tali problemi ma si migliorerà la distribuzione idrica complessiva mella zona riducendo perdite e sprechi. E si eviterà quindi lo stillicidio di tanti piccoli interventi di riparazione che non risolvono mai in modo definitivo i problemi".

Infine dalla partecipata di via Volturno sottolineano che "in ciascuna delle fasi dei lavori le strade verranno chiuse solo quando interessate agli scavi, realisticamente non più di una o due strade simultaneamente e per di più con una chiusura solo parziale".

Articolo modificato alle 17:38 del 22 febbraio 2023//Aggiunta la nota dell'Amap

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova tegola sul traffico palermitano, scavi Amap in oltre 300 strade del centro

PalermoToday è in caricamento