Amat, la denuncia dei sindacati: "Stipendi di novembre in ritardo"

Gli uffici comunali avrebbero eseguito in ritardo il mandato di pagamento. Lunedì l'incontro con la dirigenza dell’azienda: "Ci auguriamo si possano fugare i dubbi sulla tenuta economica–finanziaria collegata al piano di risanamento"

“I lavoratori di Amat percepiranno lo stipendio non prima di martedì 10, trascorreranno la prima festività di dicembre senza stipendio". Ad affermarlo sono i sindacati di Amat, Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal, Ugl, Cobas e Orsa Tpl che lunedì saranno ricevuti dalla dirigenza dell’azienda dopo aver proclamato nei giorni scorsi lo stato di agitazione. Nonostante le rassicurazioni dell’assessorato comunale alle Partecipate, tuonano i sindacati "i 13 milioni di euro sono arrivati solo ieri, non ci sono ormai i tempi per provvedere alle retribuzioni prima dell’8 dicembre”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Nonostante l’impegno dell’assessore comunale all’Economia D’Agostino, non sono stati rispettati i tempi necessari che avrebbero garantito il pagamento nella prima settimana del mese. Ribadiamo dunque, che i lavoratori sono stanchi di assistere da parecchi mesi a questi continui ritardi causati dall’inefficienza di una parte della burocrazia comunale. Ci auguriamo che durante l’incontro di lunedì si possano fugare tutti i dubbi e le incertezze sulla tenuta economica–finanziaria collegata al piano di risanamento dell’Azienda. Va avanti dunque - concludono - la nostra vertenza su tre punti: criticità del bilancio aziendale; il budget di esercizio aziendale e la rivisitazione del piano di risanamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Capo in lutto per la morte di Irene, giovane mamma: "Non ti dimenticheremo mai"

  • Il Covid e la paura di un nuovo lockdown, Miccichè: "Sarebbe morte Sicilia"

  • Incidente in viale Lazio, con la Vespa si scontra con un’auto: morto 15enne

  • In Sicilia nuova ordinanza anti Covid: ingressi limitati nei locali, più controlli e stretta sui migranti

  • Coronavirus, in Sicilia accertati altri 29 nuovi positivi: tre a Palermo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento