Cronaca

Raddoppio Ogliastrillo-Cefalù, da 3 mesi operai senza stipendi: "Cantiere rischia di fermarsi"

La Fillea è pronta a proclamare lo stato di agitazione. I lavoratori della Idrogeo stanno eseguendo lo scavo della galleria nei pressi di Sant'Ambrogio sulla linea Palermo-Messina

Da tre mesi senza stipendio i 14 operai edili della Idrogeo srl, impresa affidataria della Toto Costruzioni, impegnata nei lavori per il raddoppio della tratta ferroviaria Ogliastrillo-Castelbuono, sulla linea Palermo messina.  La Fillea è pronta a proclamare lo stato di agitazione. I lavoratori della Idrogeo stanno eseguendo lo scavo della galleria nei pressi di Sant'Ambrogio. 

“Dalle interlocuzioni avute con l'impresa, abbiamo appreso  che per l'ennesima volta i ritardi relativi ai pagamenti che la contraente generale Toto Costruzioni deve a Idrogeo rischiano di stoppare le lavorazioni di uno dei pochi cantieri strategici sul piano infrastrutturale della provincia di Palermo – dichiara Piero Ceraulo, segretario generale Fillea Cgil Palermo -  Non possiamo accettare che un cantiere appena partito abbia già i primi intoppi per cause legate al ritardo negli incassi degli  stati di avanzamento”.

La Fillea aveva richiesto alla Toto Costruzioni di attivare le procedure di pagamento sostitutivo delle maestranze. “Per questo processo però – spiega Ceraulo -  occorre il nulla osta da parte di Idrogeo, che ad oggi si rifiuta di attivare la procedura in quanto ritiene necessario che gli stati di avanzamento lavoro  maturati vengano incassati e che sia poi direttamente Idrogeo a pagare i lavoratori”. 

Di fatto i  ritardi nei pagamenti potrebbero causare il fermo di uno dei pochi cantieri della provincia, targato Rfi,  partiti negli ultimi mesi. La Finestra di Sant'Ambrogio,  lunga circa 750 metri, servirà sia per aprire due fronti di scavo della galleria Sant’Ambrogio, lunga 4,15 km, sia per garantire in fase di esercizio un’uscita di sicurezza dalla galleria ferroviaria. L’intera opera, per un investimento complessivo di circa 500 milioni di euro, è il proseguimento del raddoppio già in esercizio fra Cefalù Ogliastrillo e Fiumetorto. 

“Queste difficoltà non fanno ben sperare – continua Ceraulo -  Rimane alta la vigilanza affinché i ritardi nei pagamenti non mettano in discussione il completamento di un'opera fondamentale nel territorio. E  non accetteremo  che tutto ciò ricada sui lavoratori, operai di altissima professionalità, che hanno lavorato in condizioni molto disagiate dentro una galleria, nella fase iniziale dello scavo. E' un  paradosso che persone che svolgono un lavoro tanto usurante siano costretti a stare a casa senza soldi. Le maestranze non rientreranno al lavoro a conclusione del periodo natalizio se non avranno ricevuto tutte le somme maturate”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raddoppio Ogliastrillo-Cefalù, da 3 mesi operai senza stipendi: "Cantiere rischia di fermarsi"

PalermoToday è in caricamento