Più facile muoversi in provincia, linea Sais Madonie - Cefalù attiva anche la domenica

Si aggiunge al collegamento già esistente Gangi - Cefalù. L’estensione è stata pensata per consentire più comodamente, nei mesi di luglio e agosto, agli abitanti del territorio madonita di trascorrere una giornata al mare nella città normanna. Tutti gli orari

A partire dal 26 luglio sarà attiva anche la domenica la linea estiva della Sais che collega i comuni del comprensorio delle Madonie con Cefalù. Questa linea si aggiunge al collegamento già esistente Gangi - Cefalù. L’estensione è stata pensata per consentire più comodamente, nei mesi di luglio e agosto, agli abitanti del territorio madonita di trascorrere una giornata al mare nella città normanna, rinomata località balneare, turistica e culturale.

Il servizio è attivo ‪tutti giorni (‪dal lunedì alla domenica). La partenza sarà da Petralia Soprana alle 8, da Petralia Sottana alle 8.10, da Castellana Sicula alle 8.25, da Polizzi Generosa alle 8.40, da Xireni alle 8.55, da Scillato alle 9.10. Arrivo a Cefalù alle 9.50. Il ritorno è previsto per le 17.30 da Cefalù, con arrivo a Scillato alle 18.10, a Xireni alle 18.25, a Polizzi Generosa alle 18.40, a Castellana Sicula alle 18.55, a Petralia Sottana alle 19.10 e a Petralia Soprana alle 19.20.
 

                                                          

 
 

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Palermo usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Nuovo Dpcm "spacca weekend" e spostamenti vietati: si cambia colore tra sabato e domenica?

  • Coronavirus, quasi duemila contagi in 24 ore: la Sicilia presto sarà "zona rossa"

  • Coronavirus, Musumeci chiede la zona rossa a Conte: "Altrimenti firmo io l'ordinanza"

  • Nuovo Dpcm: Governo conferma l'ipotesi dello stop all'asporto per i bar dopo le 18

  • La quindicenne costretta a prostituirsi: "Mi davano anche 150 euro a rapporto, ero un oggetto"

Torna su
PalermoToday è in caricamento