rotate-mobile
Sabato, 4 Dicembre 2021
Cronaca Resuttana-San Lorenzo / Piazza San Lorenzo

Colpo in torrefazione, due arresti: rapinatori "traditi" da scarpe e scooter

In manette un ragazzo di 19 anni e uno di 24. Avrebbero agito lo scorso 26 febbraio in piazza San Lorenzo. Determinante la descrizione fornita dalla vittima. Gli inquirenti sono risaliti ai due malviventi grazie ai vestiti indossati e al ciclomotore utilizzato per la fuga

Mettono a segno una rapina ai danni della torrefazione che si trova in piazza San Lorenzo e fuggono in sella a uno scooter, ma gli inquirenti li identificano riconoscendoli dai vestiti indossati e dal mezzo usato per la fuga. La polizia ha arrestato A.D.M., 24 anni, e G.L., 19 anni, entrambi residenti allo Zen. Devono rispondere di rapina aggravata. (GUARDA IL VIDEO)

Secondo la ricostruzione degli agenti del commissariato San Lorenzo, i due lo scorso 26 febbraio si sono introdotti nell'esercizio commerciale e hanno portato via l'incasso. Il titolare del negozio ha chiamato la polizia, fornendo una precisa descrizione dei due e mettendo a disposizione anche le immagini registrate dal circuito di videosorveglianza. Gli agenti hanno notato che gli autori della rapina avevano utilizzato uno scooter Piaggio Free del tutto simile a quello sul quale era stato fermato un giovane. Il conducente del mezzo somigliava in maniera evidente all’autore della rapina, sia per i tratti somatici sia per alcuni indumenti indossati. In particolare, le scarpe e i pantaloni indossati dal 24enne erano identici a quelli usati da uno degli autori della rapina. Da questi indizi, i poliziotti hanno deciso di approfondire la posizione del giovane, incensurato, andando a scavare tra le sue frequentazioni e tentando di fare una “mappatura” dei suoi movimenti il giorno della rapina, partendo dal traffico telefonico.

L’intuizione degli agenti si è rivelata vincente. E' emersa un’intensa attività telefonica con un altro ragazzo, che risiede nello stesso stabile. Ecco quindi che anche il 19enne è stato identificato. Incalzati dalle domande degli agenti, i due si sono ripetutamente contraddetti fino a far cadere ogni maldestro tentativo di crearsi un alibi. Adesso si trovano ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpo in torrefazione, due arresti: rapinatori "traditi" da scarpe e scooter

PalermoToday è in caricamento