Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca

Buccheri La Ferla, parte progetto "Pharmakon" rivolti ai pazienti affetti di fibromialgia

Gli incontri si terranno online. Il progetto artistico curativo è stato ideato dalla dottoressa Claudia Villani e dalla dottoressa Monica Sapio, responsabile dell'Unità Operativa di terapia del dolore dell'Ospedale Buccheri La Ferla, co-ideatrice del progetto e responsabile scientifico

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

Il 4 febbraio 2021, dall'ospedale Buccheri La Ferla Fatebenefratelli partirà un progetto artistico/terapeutico sperimentale dal titolo "Pharmakon"  ispirato all’esperienza realizzata al museo Fine Art di Montreal in Canada. Gli incontri si terranno online. Il progetto artistico curativo è stato ideato dalla dottoressa Claudia Villani e dalla dottoressa Monica Sapio, responsabile dell'Unità Operativa di terapia del dolore dell'Ospedale Buccheri La Ferla, co-ideatrice del progetto e responsabile scientifico.

L’Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità), nel suo rapporto del 2019 ha riconosciuto il ruolo dell’arte nella salute e ne auspica un utilizzo più massiccio, in quanto interventi non invasivi, efficaci e poco dispendiosi, che potrebbero  essere un importante contributo alla sostenibilità dei servizi sanitari. Inoltre, l'Oms  sollecita  ad attuare riforme sanitarie che mettano al centro un’assistenza sanitaria di base incentrata su famiglia e comunità (Community care), finalizzate alla tutela e promozione della salute nella prospettiva di un potenziamento delle risorse individuali e della comunità stessa (Empowerment). Il concetto di self-care si fonda su una rappresentazione della persona malata non come semplice ricevente passivo dei servizi sanitari ma come primo e fondamentale “operatore” del lavoro di cura nei confronti della propria salute.  La letteratura scientifica ha dimostrato che l’arte è uno strumento utile per promuovere la salute e prevenire le malattie, oltre a migliorare la qualità di vita dei malati.    

Il progetto "Pharmakon" è rivolto ai pazienti affetti da fibromialgia (disturbo da dolore cronico diffuso e di affaticamento che colpisce sia i muscoli e le articolazioni che il tessuto molle o fibroso). Gli incontri si concluderanno il 24 giugno 2021.

"L’obiettivo - spigano Monica Sapio e Claudia Villani - è quello di sperimentare terapie alternative o complementari alla cura farmacologica e validare gli effetti che la metodologia transdisciplinare, mediata dall’arte e dall’uso della medicina narrativa, può apportare nella sindrome fibromialgica, per il miglioramento dell’approccio diagnostico e terapeutico sia per medici che per i   pazienti, indirizzando quest’ultimi ad una rielaborazione del vissuto di malattia per sviluppare  l’assunzione personale di responsabilità nei confronti della cura".

Lo studio è articolato in tre diverse esperienze: la terapia della risata, guidata da Yoga Patti, la relazione con l’arte museale, guidata da Claudia Villani, Monica Sapio e Giuppa Cassarà, il laboratorio di scrittura trasformativa guidato da Leonora Cupane e Giorgio D’amato con il coordinamento di Monica Sapio. 

L'iniziativa, inoltre è realizzata in collaborazione con Associazioni AISF e LabSud,  con il  Museo Civico di Castelbuono e l’Assessorato ai Beni Culturali della Regione Sicilia, il dipartimento dei Beni Culturali e il Museo Riso di Palermo e ha ottenuto il patrocinio del Comune di Castelbuono, dell'Accademia di Belle arti di Palermo, dell'Ordine dei Medici di Palermo, dell'Anmirs, dell'Istud e della SIMeN. Per prenotare occorre contattare la segreteria organizzativa ai numeri: 3245885585 (Melania Spataro) o 3382015476 (Romana Franzone)
Email: pharmakon2021@gmail.com
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Buccheri La Ferla, parte progetto "Pharmakon" rivolti ai pazienti affetti di fibromialgia

PalermoToday è in caricamento