Morto a Palermo Franco Boccadutri, esponente della sinistra siciliana

Aveva 72 anni. Il cordoglio e la vicinanza della Cgil locale: "Se ne va un grande intellettuale, studioso e scrittore, ideatore appassionato di tante battaglie"

E' morto venerdì a Palermo, per arresto cardiocircolatorio, Franco Boccadutri, 72 anni, esponente della sinistra siciliana. Abitava da tempo a Palermo,  dirigente di una società regionale, mentre il fratello Nicola è sempre rimasto a Caltanissetta, la città nativa di Boccadutri.

“La Cgil esprime le sue condoglianze alla famiglia con il dispiacere di non poter essere presenti fisicamente per condividere questo momento di dolore – dichiara il segretario Cgil Palermo Enzo Campo –. Alla moglie Angela, ai figli Sergio e Carlo, al fratello Nicola e agli altri familiari un grande caloroso abbraccio da parte di tutta la Cgil Palermo nel ricordo di un comunista e grande intellettuale, studioso e scrittore,  ideatore appassionato di tante battaglie di cui è importante più che mai oggi ricordare la storia e conservare la memoria”.

L'anno scorso Boccadutri aveva scritto per la casa editrice  Rubbettino il libro 'Vittorini nella città degli Angeli', con la prefazione di Emanuele Macaluso,  in cui narra la storia del padre, il giovane Calogero Boccadutri, nome di battaglia Luziu, che dopo la conoscenza con Umberto Terracini e altri comunisti, a seguito della detenzione in carcere, rientrò in Sicilia aderendo al Partito comunista d’Italia. Qui, a Caltanissetta,  nel 1943,  incontrò Elio Vittorini (che poi avrebbe scritto Conversazione in Sicilia), mandato in Sicilia per coordinare le attività del Partito comunista clandestino e dare le direttive in vista dello sbarco degli alleati. 

Boccadutri avrebbe dovuto  presentare in questi giorni il suo saggio a Caltanissetta ma l'emergenza coronavirus ha poi  modificato i programmi.  “Era un suo desiderio. Franco l'aveva scritto  in omaggio a papà, che diventò comunista in carcere – racconta il fratello Nicola -. Umberto Terracini fece di nostro padre il militante perfetto e divenne capo di una cellula in cui c’erano Emanuele Macaluso, Gino Cortese, Pompeo Colajanni, il futuro procuratore Gaetano Costa insieme a operai, contadini e minatori. Con il suo libro mio fratello ha coronato un vuoto. Nostro papà parlava pochissimo e così gli ha dato voce visto era un uomo di poche parole”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Anche Emanuele Macaluso, primo segretario della Cgil siciliana nel 1947, ricorda con commozione  Boccadutri. “La sua scomparsa mi  ha provocato un grande dolore e tanta amarezza – dice Macaluso -.  Franco è uno dei tre figli di Calogero Boccadutri, il mio capo cellula negli anni del fascismo e della clandestinità. Anche lui era un comunista. Intelligente, saggio, amabile e attivo nella vita politica. Lo ricordo a Palermo, giovane attivista della sezione Lo Sardo. Era stato funzionario della Società finanziaria siciliana e poi lavorò con una società francese che si occupa degli acquedotti siciliani. Io – aggiunge Macaluso - sono molto vecchio e la morte di chi è ancora giovane, e mi è stato caro, è un fatto che mi provoca molta emozione. La più tremenda è stata la morte di mio figlio Pompeo...Spero che le nuove generazioni, che si affacciano alla politica e alla sinistra, in tempi e situazioni del tutto diverse, tengano presente nel loro agire chi ha seminato, in anni anche difficili, idee e comportamenti che non dovrebbero essere cancellati. Franco è uno che non dovrebbe essere dimenticato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 4 zone rosse a Palermo: Musumeci "chiude" i centri di Biagio Conte

  • La denuncia: "Un positivo è uscito dalla Missione di Biagio Conte e ha attraversato tutta Palermo"

  • Corso Calatafimi, si sente male mentre passeggia in strada: morto un uomo

  • Ragazzo scomparso da 11 giorni, l'angoscia della famiglia: "E' uscito a piedi e non è più rientrato"

  • "Gestiva il pizzo a Ballarò", arrestato dopo due mesi di latitanza Alfredo Geraci

  • Abbattuto il pilastro del cancello di Villa Igiea: assessore chiama i carabinieri

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
PalermoToday è in caricamento