Giornalista di PalermoToday minacciato dopo blitz al campo Rom, solidarietà della Consap

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di PalermoToday

La massima solidarietà a Riccardo Campolo da parte del sindacato di Polizia Consap, anche se in questo caso credo di potere parlare a nome di tutti gli altri poliziotti- dice Igor Gelarda, Segretario Provinciale del sindacato di Polizia Consap. Quello che è successo al cronista palermitano è intollerabile e non si può accettare un tentativo di limitazione della libertà di stampa e di opinione come quello fatto dal giovane Rrom attraverso le minacce fatte al giornalista di PalermoToday.

Campolo ha dimostrato in più di una occasione di essere un giornalista coraggioso ed è spesso per strada ad approfondire le notizie che tratta. Il blitz al campo nomadi, che ha portato all’arresto di un latitante, al sequestro di 12 autovetture senza assicurazioni e alla verifica delle precarie condizioni igienico sanitarie in cui vivono i bambini andava raccontato in maniera onesta come ha fatto Campolo, senza ipocrisie o frasi apocalittiche, ma lontane dal vero (c’è chi ha parlato di rastrellamenti e deportazioni).

La legalità in città non deve avere zone franche. E se le condizioni del Campo Nomadi è inaccettabile, grazie anche ad una amministrazione comunale lenta nell’ambito dei problemi sociali, ci dispiace l’atteggiamento di alcuni giovani Rrom che hanno sbeffeggiato l’operato delle forze dell’Ordine, come si vede chiaramente dal video. Chi fa onestamente il suo lavoro, come Riccardo Campolo- conclude Gelarda- non deve temere e sa di avere la gente onesta al suo fianco.

Torna su
PalermoToday è in caricamento